Viaggi e spedizioni

Si è concluso il salvataggio di Francesco Cassardo sul GVII

Di Giancarlo Costa

Cala Cimenti con i soccorritori dell'infortunato scialpinista Francesco Cassardo (foto cala cimenti cmenexperience)

Si sta concludendo la disavventura dello scialpinista Francesco Cassardo, scivolato e caduto dal Gasherbrum VII, vetta pakistana a quota 6955 metri. Cassardo era compagno di avventura dello scialpinista torinese Carlalberto “Cala” Cimenti, con il quale stava tentando la salita e la discesa in sci da questa punta, una prima assoluta almeno per quel che riguarda lo sci.
Cala Cimenti aveva raggiunto la cima e aveva iniziato la discesa con gli sci, il suo compagno di spedizione Francesco Cassardo procedeva in ...

Continua a leggere

Nanga Parbat Ski Expedition: il racconto di Cala Cimenti

Di Giancarlo Costa

Cala Cimenti discesa del Nanga Parbat (foto Cimenti) (3)

Un’impresa che passerà alla storia, la salita del Nanga Parbat (quota 8125 metri) e la discesa con gli sci dello scialpinista piemontese Carlalberto “Cala” Cimenti con i compagni russi Anton Pugovkin e Vitaly Lazo.
Questo il suo racconto, tratto dalla sua pagina facebook Cala Cimenti Cmenexperience.

“Forse è meglio che togli gli sci e scendi coi ramponi”. Ecco le parole che mi son sentito dire in inglese con il tipico accento grezzo dei russi da Vitaly Lazo quando ...

Continua a leggere

Vetta del Nanga Parbat per Cala Cimenti

Di Giancarlo Costa

Nanga Parbat Ski Expedition Cala Cimenti (foto fb cmenexperience) (4)

Ha raggiunto la vetta del Nanga Parbat, a quota 8125 metri, l’alpinista e scialpinista italiano Carlalberto “Cala” Cimenti, con i suoi compagni russi Anton Pugovkin e Vitaly Lazo. Partiti nella notte, sono tutti e 3 arrivati in vetta. Ora inizia la fase più delicata e attesa della spedizione, cioè la discesa con gli sci, della quale daremo aggiornamento non appena arriveranno notizie.

Continua a leggere

Nanga Parbat Ski Expedition: campo 4 per Cala Cimenti

Di Giancarlo Costa

Nanga Parbat Ski Expedition Cala Cimenti (foto fb cmenexperience) (5)

Si trova al campo 4 a circa 7200 metri di quota la spedizione al Nanga Parbat di Carlalberto “Cala” Cimenti, che con i russi i russi Vitali Lazo e Anton Pugovkin, sta salendo la montagna himalayana per poi ridiscendere con gli sci lungo la difficile parete Diamir. Questa notte inizierà l’attacco decisivo verso la vetta a quota 8125 metri. Grazie anche alle previsioni del meteorologo Filippo Thiery, che sta supportando a distanza la spedizione di Cala Cimenti, sono previsti ...

Continua a leggere

Cala Cimenti in Pakistan per la scalata del Nanga Parbat con discesa sugli sci

Di Giancarlo Costa

Nanga Parbat (foto fb cmenexperience)

E’ iniziata il 2 giugno la Nanga Parbat Ski Expedition. L’alpinista e sciatore piemontese Carlalberto “Cala” Cimenti tenterà l’impresa insieme ai russi Vitali Lazo e Anton Pugovkin. L’obiettivo è di scendere dall’Ottomila pakistano Nanga Parbat, seguendo una linea nuova, mai sciata prima d’ora.
Sono con lui in questa spedizione i russi Vitali Lazo e Anton Pugovkin, il cui progetto “Death Zone Freeride” prevede la salita di cinque Ottomila senza ossigeno con discesa sugli sci.

...

Continua a leggere

Iran: dal Mar Caspio al Monte Damavand (5671 m)

Di Giancarlo Costa

Dal Mar Caspio al Monte Damavand

Salire una cima di 5671 metri è già di per se una gita di tutto rispetto, se poi si fa questa cosa in Iran, partendo dal mare e usando solo l’energia delle proprie gambe, prima in bici, poi di corsa e infine con gli sci per arrivare in cima, ecco che la si può considerare un’impresa. L’autore di questa “impresa” è stato nella scorsa primavera Benedikt Boehm, che oltre a lavorare per la Dynafit, ha un palmares ...

Continua a leggere

Gli americani Hilaree Nelson e Jim Morrison hanno sceso con gli sci il Lhotse (8516 m)

Di Giancarlo Costa

Hilaree Nelson (foto gearjunkie)

Annata storica per le discese in sci dagli ottomila il 2018, così dopo il K2 è toccato al Lhotse domenica 30 settembre. Autori dell’impresa gli americani Hilaree Nelson e Jim Morrison scesi dalla via normale di salita, affrontando un canalone di circa 700 metri con pendenze fino a 50 gradi.
I due sciatori americani sono i primi a sciare quella che viene definita la “Dream Line”, dalla cima della quarta vetta più alta del mondo, una discesa di oltre ...

Continua a leggere

Sciare l’impossibile: il polacco Andrzej Bargiel ha sciato sul K2

Di Giancarlo Costa

Il polacco Andrzej Bargiel ha sciato sul K2 (foto fb Bargiel) (1)

E’ un’impresa storica per quel che riguarda lo scialpinismo e lo sci estremo. Il polacco Andrzej Bargiel ha sciato dalla vetta del K2 fino al campo base, dopo essere salito senza usare le bombole ad ossigeno artificiale. Nessuno prima di lui aveva mai compiuto quest’impresa, tentata in anni diversi da Marco Barmasse, da Edmond Joyeusaz, da Hans Kammerlander e da Michele Fait.
Ha impiegato circa 8 ore a scendere, seguendo una linea di discesa che ha toccato le ...

Continua a leggere

Discesa con gli sci per Cala Cimenti dal Laila Peak

Di Giancarlo Costa

Discesa dal Laila Peak (foto cala cimenti cmenexperience)

Vetta per Cala Cimenti sul Laila Peak (quota 6096m) e discesa integrale con gli sci assieme al suo compagno di spedizione lo svizzero Matthias Koenig. Montagna pakistana, caratteristica per la sua forma perfetta e un pendio a 55°, quest’anno è stata al cento non solo della spedizione di Carlalberto “Cala” Cimenti, ma anche di una spedizione di 3 francesi che qualche giorno prima è riuscita a salire e scendere con gli sci.

Dopo aver salite e sceso con ...

Continua a leggere

Dhaulagiri: il racconto di Carlalberto Cala Cimenti

Di Giancarlo Costa

Cala Cimenti in vetta al Dhaulagiri (foto Cimenti)

Il racconto di Carlalberto “Cala” Cimenti, tratto dal suo blog su facebook Cala Cimenti Cmenexperience, della sua salita al Dhaulagiri, montagna himalayana di 8167 metri, il suo terzo ottomila

SABATO 07 OTTOBRE
La sveglia è puntata alle 22:30: quel pomeriggio avevamo programmato di fare acqua fino alle 16:00, poi dormire fino alle 22:00, però abbiamo ritardato molto le operazioni e siamo riusciti a finire col fornelletto solo alle 17:00, così abbiamo spostato la sveglia di ...

Continua a leggere