Vetan Classic 2011 grande raduno - A Costa e Ferrod la prima tappa di Coppa Italia Snow-Alp

Di GIANCARLO COSTA ,

Vetan Classic 2011
Vetan Classic 2011

Sono ormai 9 le edizioni del Vetan Classic, raduno backcountry & splitboard in Valle d’Aosta. Il sole e il caldo hanno baciato le 2 giornate di raduno e gara, così come le stelle hanno vegliato sul festa del sabato sera. Una settantina i partecipanti a questo raduno, in cui si fondono le tante anime dello snowboard-alpinismo (o backcountry o snow-alp che dir si voglia), con la possibilità di parlare e confrontarsi sull’uso delle diverse attrezzature per la salita, una biodiversità necessaria per far crescere il nostro sport. Alla tradizionale salita con le racchette da neve, si è ormai affiancato l’uso della split-board, la tavola divisibile in salita, e degli sci corti. Insomma a ciascuno il suo sistema, tanto poi quel che conta e scendere in snowboard, scivolare di traverso sulle montagne innevate, cavalcare le lunghe onde che dalle vette (la Punta Leyssè a quota 2781 metri) portano al campo base, in questo caso l’Hotel Notre Maison di Jonny Lale Mourix che con Stefano Fontanelle e tanti altri volontari hanno orchestrato al meglio questo bell’evento. La prima giornata di sabato ha visto il serpentone di snowboarder salire fino alla Punta Leyssè, per poi scendere sia sul versante del Monte Rosso, sia sul versante classico della Punta Leyssè, anche per controllare la discesa per la gara della domenica.

Sono anche 9 le edizioni della gara di snowboard-alpinismo, che da 2 anni è anche prova di Coppa Italia. 1000 metri di dislivello, dal piazzale dell’Hotel Notre Maison alla punta Leyssè e ritorno. Dopo la solita ammucchiata in partenza sulla prima ripida rampa gelata, la salita si sviluppa negli ampi pendi in fuori pista, fino alla dorsale finale, che porta all’anticima, giro di boa in cui si passa dalla salita alla discesa, che avviene nel canale centrale per la prima parte, per poi seguire la traccia del gatto nella seconda parte, con un’altra diagonale in fuoripista e il tratto finale di nuovo sulla traccia del gatto che riporta al traguardo. La neve un po’ gelata ha complicato la vita a chi saliva scivolando sulle pelli di sci corti e split e a chi scendeva nella prima parte un po’ segnata dai tanti passaggi, visto che questo percorso è una delle classiche gite sci alpinistiche della Valle d’Aosta.

Comunque la vittoria nella gara maschile va per la 5a volta in 9 edizioni a Giancarlo Costa in 1h15’29” (con il miglior tempo in salita di 1h03’58”) seguito sul secondo gradino del podio da Giorgio Gontero in 1h20’49”, con Luca Stellino che chiude il podio con il 3° in 1h24’43”. Seguono nella top ten Marco Bagnus 4° in 1h27’56”, Alex Ostorero  5° in 1h28’59”, Roberto Sanna 6° in 1h31’02”, Filippo Scardina 7° in 1h40’52”, Antonio Bonetti 8° in 1h46’29”, Igor Antonelli  9° in 1h47’37” e Fabio Calvi 10° in 1h49’00”.

Nella gara femminile la vittoria va per la 7a volta in 9 edizioni alla padrona di casa, Jenny Ferrod, che sbaraglia la concorrenza arrivando anche 8° assoluta in 1h41’34”, secondo posto per Sara Jacchia in 2h00’52”, terzo per Sara Faure in 2h04’02”, quarta Elena Surace in 2h13’47” e quinta Carmen Barbera in 2h26’45”.

La prossima prova di Coppa Italia, che era in programma domenica prossima, si disputerà a Lizzola, sulle Orobie bergamasche, il 27 febbraio con il Baz Snow & Race Trophy, che sarà anche Campionato Italiano Assoluto.

In allegato le classifiche complete.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti