Una settimana al via del Tour du Rutor Extreme

Di GIANCARLO COSTA ,

Partenza Tour du Rutor Extreme 2016
Partenza Tour du Rutor Extreme 2016

Millet Tour du Rutor Extreme, cronaca di un sold out annunciato. Chiuse le iscrizioni alla quota massima di 350 squadre, il piccolo abitato di Arvier e la selvaggia Valgrisenche sono pronte alla pacifica invasione del popolo dello skialp. Il 23, 24 e 25 marzo, oltre ai 700 atleti provenienti da differenti nazioni, sui percorsi di gara e sulle vette toccate dall’unica tappa italiana 2018 di La Grande Course, sono attesi anche centinaia di spettatori che con il loro tifo spingeranno ogni singolo atleta sino al traguardo.

Un ruolo importante, per non dire fondamentale, quello del pubblico. Non a caso, il comitato organizzatore ha pensato a delle vere e proprie aree supporter che andranno a premiare la tenacia e la voglia di fare fatica degli spettatori con in palio oltre 200 gadget a seconda della quota raggiunta. Gadget tutti griffati Millet.

Tornando alla gara, in questi giorni lo staff tecnico coordinato dalla guida alpina Marco Camandona è all’opera per disegnare e mettere in sicurezza le tre classiche tappe del TdR. Un compito non facile il loro vista la molta neve caduta sulle montagne valdostane, ma dalle prime immagini che girano sulla pagina facebook dell’evento è lecito attendersi una 19ª edizione… stellare.

E stellare, per non dire “Extrême”, sarà anche la prova giovani con una trentina di squadre provenienti da Italia, Francia, Svizzera e Spagna. Per loro, in vero Tour du Rutor Style, tre tracciati ad hoc che, su differenti dislivelli e lunghezze, riproporranno in piccolo il fascino di una Grande Course. Vero fuori pista, ripidi canalini, creste aeree, discese in fresca, ma soprattutto briefing e fotografi dedicati, tanti premi e le attenzioni che si meritano i campioni di domani.

Ancora una volta la Valle d’Aosta si appresta quindi a ospitare un top event di caratura internazionale. Un mix di turismo, sport e valorizzazione del territorio che vedrà grandi campioni e semplici appassionati con 7000m di dislivello positivo spalmati su 75 km di vero fuoripista (40km di salita, 32km di discesa, 5km di creste a fil di cielo). Il tutto per un totale di tre tappe belle da correre da seguire e immortalare. Per chi coltiva la passione della fotografia, quest’anno verrà proposto un concorso a dir poco allettante con tanti premi e tante opportunità per vivere la 19ª edizione del TdR da veri protagonisti.

Sito Millet Tour du Rutor Extrême: www.tourdurutor.com

Fonte u.s. TdR

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti