Domenica va in scena la seconda edizione dell'Extreme Badalis sulle Prealpi tra Segusino e Valdobbiadene.

Di GIANCARLO COSTA ,

Extreme_Badalis_2012 (foto_Selvatico)
Extreme_Badalis_2012 (foto_Selvatico)

Sono stati giorni di duro lavoro per lo sci club Valdobbiadene per allestire e preparare il tracciato della seconda edizione dell'Extreme Badalis. Il gruppo dei volontari, coordinati da Davide Geronazzo, ha segnalato oramai tutto il percorso che corre tra le province di Treviso e Belluno. 1.850 metri di dislivello positivo per uno sviluppo di quindici chilometri in un ambiente inusuale per le gare di scialpinismo, ma altrettanto spettacolare avendo a Nord le Dolomiti e a Sud la vastità della pianura che si perde nella laguna veneta.

Nella lista dei partenti figurano nomi importanti dello scialpinismo azzurro, infatti sarà tra i nastri di partenza la coppia formata da Michele Boscacci e da Pietro Lanfranchi, tra i possibili outsider Alessandro Follador e lo sloveno Nejc Kuhar senza dimenticare la coppia di Riccardo Dezulian e Thomas Trettel. Da segnalare anche la squadra di Daniele Pedrini e Paolo Moriondo. Tra le squadre venete occhi puntati su Paolo Roccon e Lauro Polito, Ivan Sommacal e Alessandro Taufer e Federico Pat in coppia con Olves Savaris.

Tra le donne c'è stata la conferma di Laura Besseghini in squadra con la compagna di sempre Raffaella Rossi. Le atlete valtellinesi dovranno difendersi dagli attacchi delle squadre formate da Francesca Lavezzari e Stefania Zanon, da Nadia Scola e Birgit Stuffer e infine da Cristiana Follador e Laura Bello.

La gara che si avvale del patrocinio del Comune di Segusino prenderà il via domenica mattina alle ore 9 dal caratteristico borgo di Milies a qualche chilometro da Segusino.

Dopo la partenza dalla piazza di Milies si attraverseranno a piedi le vie pittoresche della vecchia borgata. Percorsi centocinquanta metri si calzano gli sci e, dopo una prima parte attraverso la strada provinciale del Doc, a circa 1200 metri di quota, si imboccherà l'impervia val de Marie verso la ripida salita del massiccio del Cesen a 1580 metri di quota. Arrivati in vetta si scende per guadagnare il successivo cambio pelli. Terminata la discesa gli sci saranno riposti nello zaino per affrontare il canale che porta in cima al Monte Orsere, dove il Comitato Organizzatore ha previsto musica e vin brulè per tutta la durata della gara. Giunti al cambio pelli gli atleti affronteranno una breve discesa per poi salire sul Monte Barbaria. Terminata la penultima salita, dopo una discesa di circa 350 metri di dislivello, si affronterà l'ultima fatica della giornata salendo nuovamente alle Orsere, dove si tolgono le pelli per l'ultima volta e si scende la panoramica e veloce discesa dei "Lavei" per arrivare a Milies, dove sarà posto lo striscione d'arrivo.

Le previsioni meteo annunciano bel tempo superato il passaggio di una lieve perturbazione nella giornata di sabato. La seconda edizione dell'Extreme Badalis, dopo la pausa dello scorso anno dovuta alla mancanza di neve, è pronta a stupire

Fonte Areaphoto.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti