Trofeo Leonardo Follis: sulla salita del Weissmatten Matteo Stacchetti e Jean Pellissier pari merito. A Gloriana Pellissier la gara femminile- Gressoney Saint Jean (AO)

Di GIANCARLO COSTA ,

Memorial Follis a Gressoney
Memorial Follis a Gressoney

Gara notturna di sola salita sulle piste del Weissmatten a Gressoney Saint Jean, partenza dalla seggiovia Weissmatten (quota 1350 metri) e arrivo al ristoro Wissomatto (2050 metri), 700 i metri di dislivello per una Vertical da correre a tutta, nel vero senso della parola, anche se con gli sci ai piedi. Ma questa gara era soprattutto un ricordo simbolico per Leonardo Follis, indimenticabile campione di scialpinismo, fondo e corsa in montagna, scomparso nel marzo del 2001 in un incidente in valanga proprio in questa zona, sulle sue montagne, mentre si allenava per l’imminente Trofeo Mezzalama di allora. In tanti si sono dati appuntamento alle 19,30 alla partenza del Weissmatten, ben 150, con molti dei protagonisti dello scialpinismo valdostano e nazionale.

Per Matteo Stacchetti e Jean Pellissier una bella tirata che decidevano di concludere in compagnia, visto che tagliavano insieme il traguardo del Wissomatto in 30’23”, relegando sul terzo gradino del podio Franco Collè in 31’34”, che nell’occasione s’è sdoppiato nel doppio ruolo di scialpinista e organizzatore, con tutto il suo staff dello Sci Club Gressoney Monte Rosa. La top ten di serata è completata da Andrea Basolo 4° in 32’01”, Nadir Giovannetto 5° in 31’11”, Mattia Luboz 6° in 32’16”, Massimo Junod 7° in 32’29”, Mattia Ronconi 8° in 32’36”, Oscar Dalbard 9° in 32’55” e Alessandro Plater 10° 33’25”.

Negli Junior s’impone un ottimo Stefano Stradelli in 32’00” (tra l’altro 4° assoluto), seguito da Alessandro Serravalle 2° in 35’56” e Mathieu Courthoud 3° in 37’03”.

Nella categoria Over 45, vittoria per Marco Herin in 35’42”, su Roberto Canonico 2° in 36’11” e Carlo Chabod 3° in 36’26”.

Nella Tecnica Libera vittoria per Giuseppe “Pech” Ouvrier in 32’49” (anche 10° assoluto), seguito da Corrado Vigitello 2° in 35’35”, Paolo Benone 3° in 37’02” e Giancarlo Costa 4° in 37’21”.

Grandi firme anche nella gara femminile, una competizione vinta da una Gloriana Pellissier, che pur reduce dal weekend andorrano di Coppa del Mondo con 2 terzi posti, ha controllato agevolmente le avversarie in 34’20”. Alle sue spalle Tatiana Locatelli seconda in 36’51”, Christiane Nex terza in 38’50”, Marina Ferrandoz quarta in 39’08” e Annemarie Gross, la vincitrice del Tor des Geants, quinta in 39’33”. A Claudia Titolo la vittoria nella categoria Over45 in 42’04”.

Con questa gara s'è concluso il circuito Tour di Ski Alp, dopo le prove di Ozein, Vetan e Gressoney. La quarta prova che doveva essere a Inverso di Vico Canavese, è stata rinviata a data da destinarsi, in attesa dell'arrivo dela neve.

La classifica maschile, somma dei tempi delle 3 prove, è stata vinta da Matteo Stacchetti, su Franco Collè con Mattia Luboz sul terzo gradino del podio, mentre quella femminile ha visto il successo di Christiane Nex seguita da Tatiana Locatelli e Alessandra Gianatti

In allegato le classifiche complete e le foto della serata di Gressoney Saint Jean.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti