Tour de Ski: Francesco De Fabiani secondo in Val di Fiemme dietro a Bolshunov

Di GIANCARLO COSTA ,

Podio maschile tappa 6 Tour de Ski (foto Newspower)
Podio maschile tappa 6 Tour de Ski (foto Newspower)

Francesco De Fabiani gradisce molto la 15 km mass start della Val di Fiemme e anche oggi, il valdostano è stato in grado di "fare la gara", al pari del blasonatissimo Alexander Bolshunov, cui ha dovuto cedere solo nella volata finale.
Ma De Fabiani ha mostrato grande classe e una buona forma, unita a sci veloci, che gli hanno permesso di mantenere il ritmo migliore per tutti e 15 i chilometri della gara. Nel finale, il testa a testa fra Bolshunov e De Fabiani ha allungato il gruppo di testa e l'azzurro ha deciso di partire sull'ultima salita, riuscendo anche a staccare il russo, che però, dotato di un motore a moltissimi cavalli, ha recuperato e passato De Fabiani nel rettifilo conclusivo.
Bella gara anche per Paolo Ventura che è riuscito a mantenere la posizione e rimanere in zona punti.
Federico Pellegrino ha avuto una bella partenza, poi il gruppo è partito forte e quindi il poliziotto di Nus ha deciso di non seguire i migliori e mantenere qualche energia per la sprint in tecnica classica di sabato.
Nella classifica del Tour de Ski guida nettamente Bolshunov, ormai a un passo dalla vittoria, davanti a Maurice Manificat, che si gioca il podio con Ivan Yakimushkin e gli altri russi che incalzano.
De Fabiani recupera posizioni e ora è 11° a 5'16", Pellegrino è 18°.
Sabato la sprint.

Le voci dei protagonisti dopo la 15 km di Val di Fiemme

Francesco De Fabiani: "Pur arrivando da un inizio di Tour de ski un po' difficile oggi sono riuscito a rifarmi. Avrei voluto rifarmi anche del secondo posto a pochi secondi di due anni fa, ma andata così anche oggi. Un po' brucia. Credo che dovrò cambiare tattica in futuro. Con Bolshunov e Klaebo questa tattica non basta. Stavo bene, non volevo farmi cogliere impreparato se fossero partiti forte. Alla fine siamo arrivati abbastanza allungati e io c'ero".
Federico Pellegrino: "Oggi non sentivo bene le gambe, non è il modo migliore per presentarsi ad una sprint classica, ma spero che le energie risparmiate nella gara di oggi, bastino per recuperare. Ogni giorno è diverso: la mattina mi sveglio, ascolto il mio fisico e se sono a posto proseguo col programma, altrimenti è difficile. Vederemo dopo la sprint se riuscirò ad arrivare in fondo a questo Tour de Ski. penso giorno per giorno".

Gara femminile Tour de Ski

Natalia Nepryaeva si impone nella 10 km TC di Val di Fiemme che segna la terz'ultima gara del Tour de Ski. la russa riesce ad emulare i colleghi uomini e con un allungo deciso nel finale stacca le immediate avversarie e chiude con il tempo di 30'35"5, davanti alla tedesca Katharina Hennig per 2"4 e alla svedese Ebba Andersson per 4"1.
Jessie Diggins, oggi più attardata, mantiene comunque la leadership del Tour de Ski con 55 secondi di vantaggio sulla russa Yulia Stupak e 1'42" sulla svedese Frida Karlsson.
Anna Comarella è la migliore delle azzurre con il 21ma a 1'17". Fuori dai punti le altre azzurre al via: Lucia Scardoni è 36ma, Martina Di Centa è 37ma, Francesca Franchi 38ma, Ilaria Debertolis 43ma.
Comarella è 21/a anche nella generale del Tour, staccata di 6'09" dalla leader.
"Sono partita abbastanza bene - dice Anna Comarella -, poi non so bene cosa sia successo. Un po' si è fatta sentire la stanchezza. Appena perdi qualche secondo non è facile ricucire. Ci tenevo a fare bene in questa gara, ma non è venuta proprio come volevo. Ora proverò nella sprint a fare del mio meglio anche se certo non è il mio format preferito".

Fonte Fisi

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti