Torna Oropa Freeride: 2 giorni di fuoripista tra Oropa ed il Monte Camino

Di GIANCARLO COSTA ,

oropa freeride
oropa freeride

Di Veronica Balocco

Sabato 19 e domenica 20 febbraio, la vecchia e bellissima stazione sciistica di Oropa, piccola perla delle Alpi Pennine biellesi, si prepara ad accogliere per la terza volta consecutiva uno degli eventi più coinvolgenti, freschi, divertenti e appassionanti che il mondo sciistico giovanile nazionale abbia mai conosciuto.

Oropa Freeride, gara di sci fuoripista dalle pendici dei monti che sovrastano Biella e il Santuario della Madonna Nera di Oropa, nel cuore dell'omonima Conca annoverata tra i patrimoni dell'umanità Unesco, si riaccende nel fine settimana, con una grande festa nel nome della neve fresca.

“Benedetta” dalla provvidenziale nevicata che ancora in queste ore sta imbiancando la zona, la competizione sarà solo la punta dell'iceberg di una due-giorni ricca di avvenimenti. Paolo Barichello, patron del Mov-Ing di Chiavazza e da sempre anima di Oropa Freeride, ci lavora su da settembre.

Con l’aiuto degli amici Pier Paolo Role, Teodoro Bizzocchi e Claudio Lanza, ha messo in piedi una macchina che guarda ben oltre le lamine degli sci dei 120 freerider che si contenderanno il primo premio da 500 euro.

«Abbiamo creato una sinergia con varie aziende del territorio - spiega - per dare vita a un evento che sia anche un modo per valorizzare questo nostro Biellese». Nella sezione shop del sito dedicato alla manifestazione (www.oropafreeride.com) si possono dunque acquistare gadget rigorosamente Made in Biella: il tubo metallico con il logo della kermesse e il gioiello creato ad hoc da Barichello accompagnati, ad esempio, da una confezione di “carvate”, i dolci realizzati per l’occasione dal Biscottificio Cervo di Biella. Oppure da una bottiglia di Birra Menabrea (la celeberrima birra locale) o dalle specialità del Caseificio Rosso. Tasselli che andranno a comporre anche il pacco gara riservato a coloro che si iscriveranno - cosa possibile anche online - alla competizione, i quali per 80 euro avranno diritto anche alla cena di sabato al Mov-Ing, a due giornaliere e al pernottamento al Santuario.

Se per gli adulti (sciatori, snowboarder e appassionati di telemark) la formula sarà sostanzialmente la stessa dello scorso anno, con una manche a tempo e una in heliski per i primi tre assoluti, quest’anno la grande novità è data dalla partecipazione anche dei bambini, dagli otto anni in su, cui è riservata la gara di sabato (ritrovo ore 8, partenza ore 11) con probabile partenza dal Rifugio Savoia e arrivo ad Oropa (dove sarà operativa la tenda Red Bull).

Nel dettaglio, il programma di gara prevede per sabato dalle 8 la ricognizione, mentre il ritrovo dei partecipanti è fissato alle 8 di domenica. Alla prima manche a tempo, con discesa in fuori pista dal Monte Camino ad Oropa (1300 metri di dislivello), seguirà alle 14 la seconda manche riservata ai primi tre tempi assoluti, che saranno accompagnati in elicottero su una cima della Conca per giocarsi la vittoria finale con una prova di stile.

Buone le premesse a livello di tracciato. Anche se il percorso preciso di gara deve ancora essere definito nel dettaglio, sembra ormai certo che le condizioni siano estremamente buone: dalla nevicata in corso sono attesi infatti cinquanta centimetri di neve fresca, mentre le previsioni del fine settimana parlano di sole.

Sabato sera, come da tradizione, grande festa al Mov-Ing, il locale di Biella Chiavazza di Paolo Barichello. Oltre alla distribuzione di pettorali e pacchi gara, durante la serata è previsto l'intervento di Christian Leischner (atleta Blizzard), che presenterà alcuni filmati sul Giappone e i nuovi Blizzard eletti sci dell'anno all'Ispo 2011. Domenica sera dalle ore 19,30, cena conclusiva. L’evento, al quale è legato anche un concorso fotografico aperto a tutti, sarà seguito dalle telecamere di Sky e Rai Sport.

Info: www.oropafreeride.com

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti