Snowboardcross Team Event a Telluride (USA): l'Italia ritorna sul podio con Perathoner/Leoni secondi fra gli uomini, Moioli/Brutto terze fra le donne

Di GIANCARLO COSTA ,

L'Italia-dello-snowboardcross-fa-festa-a-Telluride-in-Colorado.jpg (foto fisi.it)
L'Italia-dello-snowboardcross-fa-festa-a-Telluride-in-Colorado.jpg (foto fisi.it)

Telluride in Colorado si conferma terra di conquista per l'Italia dello snowboardcross. Due stagioni fa Luca Matteotti e Alberto Schiavon colsero una storica vittoria nel team event, stavolta sono arrivati due podi in altrettante gare che hanno regalato emozioni a non finire. In campo maschile Tommaso Leoni ed Emanuel Pertahoner sono arrivati vicinissimi ad un'altra clamorosa affermazione, purtroppo un campione esperto come Wescott è ruscito sul salto conclusivo a sopravanzare l'azzurro e ad assicurare in coppia con Nate Holland agli Stati Uniti la vittoria.

Percorso inverso in campo femminile, con Raffaella Brutto e Michela Moioli costrette ad inseguire in finale dopo la caduta pressochè immediata della genovese, la quale si è rialzata, ha accorciato le distanze da chi la precedeva e ha dato il cambio ad una Moioli scatenata, tanto da recuperare fino al terzo gradino del podio, dietro a Canada e Svizzera.

L'analisi del direttore tecnico Cesare Pisoni: "Anche oggi abbiamo dimostrato di essere al vertice della specialità - racconta -. In casa gli americani sono difficili da battere, però siamo stati vicini alla clamorosa impresa fino all'ultimo salto, quando Perathoner si è fatto sorprendere da un volpone come Wescott. Siamo comunque soddisfatissimi e ricordiamo che quest'anno si assegnerà la Coppa del mondo anche in questa specialità del team event".

Michela Moioli è emozionata: "Non capisco cosa sia successo, non mi rendo conto di quello che ho fatto. Abbiamo sempre creduto nel podio, eravamo gasate a mille. Faccio parte di un gruppo bellissimo, siamo come una grande famiglia, avere Raffaella Brutto al mio fianco è come avere una sorella al proprio fianco".

Raffaella Brutto contraccambia i complimenti: "Fortunatamente ho una compagna di squadra come Michela. Sono caduta all'inizio della finale, ho cercato di andare più forte che potevo per riavvicinare il gruppo e Michela ha fatto il resto. Comincio a prendere confidenza col podio, peccato per la gara individuale dove sono rimasta fuori per un solo centesimo".

Fonte fisi.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti