Snowboardcross ai Mondiali di Stoneham: Michela Moioli quinta e Raffaella Brutto sesta. Titoli iridati per Maelle Ricker e Alex Pullin.

Di GIANCARLO COSTA ,

Raffaella Brutto (foto FIS/Oliver Kraus)
Raffaella Brutto (foto FIS/Oliver Kraus)

Molta sfortuna per l'Italia nella gara dello snowboardcross ai Mondiali di Stoneham in Canada. Alla fine, il risultato più prestigioso lo ottengono le donne con Michela Moioli quinta a causa di un errore durante la Big Final, quando aveva tutta la possibilità di giocarsi una medaglia, e Raffaella Brutto sesta, anche lei caduta quasi subito nella finale per le medaglie.

Erano in sei gli azzurri qualificati per i quarti ma i maschi sono stati tutti eliminati nel corso delle batterie dei quarti: Emanuel Perathoner è caduto mentre stava recuperando, Tommaso Leoni è arrivato quarto nella sua batteria, Omar Visintin e Luca Matteotti, sono caduti entrambi nella stessa batteria e hanno dovuto cedere il passo agli avversari.

Musica totalmente diversa fra le donne, con Raffaella Brutto qualificata al fotofinish per la semifinale e poi invece in scioltezza verso la Big Final. Michela Moioli ha mostrato una grande sicurezza, qualificandosi come seconda ai quarti e come terza in semifinale. Poi, purtroppo, le azzurre sono rimaste fuori dal giro delle medaglie.

Oro e argento al Canada, fra le donne, grazie a Maelle Ricker e Dominique Maltais, il bronzo invece è della norvegese Helene Olafsen. Fra i maschi si conferma l'australiano Alex Pullin in oro, mentre è d'argento l'austriaco Markus Schairer e di bronzo il norvegese Stian Sivertzen.

"La nota più positiva - ha detto il direttore agonistico Cesare Pisoni - è senz'altro la consapevolezza di aver trovato una potenziale fuoriclasse per questa disciplina, che è Michela Moioli. Era la più giovane di tutta la gara, è al primo anno di Coppa del mondo e si è piazzata quinta ai Mondiali a causa di un errore che ci sta nello snowboardcross. Michela è comunque una garanzia per i prossimi anni. Brava anche Raffaella Brutto e un vero peccato per i maschi con i quali comunque continueremo a lavorare sodo per cercare di portarli alle Olimpiadi di Sochi con la possibilità di giocarsi le medaglie. Purtroppo la legge dello snowboardcross è durissima: può andare tutto bene, ma possono anche succedere inconvenienti come oggi e lasciarti a secco di risultati".

Ordine d'arrivo SBX femminile Mondiali di Stoneham (Can):

1      RICKER Maelle      1978      CAN        1000.00

2      MALTAIS Dominique      1980      CAN        800.00

3      OLAFSEN Helene      1990      NOR        600.00

4      TRESPEUCH Chloe      1994      FRA        500.00

5      MOIOLI Michela      1995      ITA        450.00

6      BRUTTO Raffaella      1988      ITA        400.00

7      SAMKOVA Eva          1993      CZE        360.00

8      RAMBERGER Maria      1986      AUT        320.00

9      MOLL Susanne          1987      AUT        290.00

10      GILLINGS Zoe          1985      GBR        260.00

Ordine d'arrivo SBX maschile Mondiali di Stoneham (Can):

1      PULLIN Alex          1987      AUS        1000.00

2      SCHAIRER Markus      1987      AUT        800.00

3      SIVERTZEN Stian      1989      NOR        600.00

4      VAULTIER Pierre      1987      FRA        500.00

5      BOLDYKOV Andrey      1983      RUS        450.00

6      HAEMMERLE Alessandro      1993      AUT        400.00

7      BAUMGARTNER Nick      1981      USA        360.00

8      FAGAN Robert          1976      CAN        320.00

9      RAMOIN Tony          1988      FRA        290.00

10      LINDFORS Anton      1991      FIN        260.00

14      LEONI Tommaso      1991      ITA        180.00

18      MATTEOTTI Luca      1989      ITA        130.00

19      PERATHONER Emanuel      1986      ITA        120.00

22      VISINTIN Omar      1989      ITA  DSQ   90.00

Fonte fisi.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti