Scialpinismo: notturna “stellare” a Palit-Valchiusella (TO)

Di GIANCARLO COSTA ,

01-Partenza-(foto-pantacolor.it).jpg
01-Partenza-(foto-pantacolor.it).jpg

La magia della notte stellata, sulla neve in montagna, era resa ancor più affascinante dalla traccia di torce illuminanti messe ad indicare il percorso di salita fino all’anticima di Punta Palit, da cui si potevano vedere le luci delle città e della pianura canavesana. Eravamo in Valchiusella, a Fondo, per la seconda edizione del Trofeo Sci Club Valchiusella – Memorial Luigi e Bartolomeo Giono, gara di scialpinismo che si sarebbe dovuta disputare sul percorso Inverso-Cima Bossola, ma che per le condizioni critiche della neve, è stata saggiamente spostata dal comitato organizzatore a Palit, stazione sciistica ora in disuso, ma meta classica delle gite scialpinistiche canavesane. Quindi è venuto fuori un bel tracciato di 700 metri di dislivello, con la prima parte da spingere a tutta su una stradina innevata ed una seconda parte tecnica con la traccia che girava in neve fresca con un crosta leggera. Mezzaluna e tante stelle ad illuminare i circa 70 concorrenti, con tante “stelle” anche a correre con gli sci ai piedi. Basta guardare la linea di partenza e l’ordine d’arrivo per rendersi conto che sembrava di essere quasi alla partenza di un “Mezzalama”. Calata degli scialpinisti valdostani sui monti canavesani, con la vittoria di Dennis Brunod con lo strepitoso tempo di 33’46”, a confermare un grande momento di forma, che lo ha visto vincere il titolo italiano di Vertical Race il 5 gennaio e raggiungere, domenica scorsa, il 5° nella prima gara di Coppa del Mondo nella località transalpina di Pelvoux. A circa 2 minuti salgono con lui sul podio Alain Seletto 2° in 35’27” e Jean Pellissier 3° in 35’52”, per completare un podio di valore nazionale. Arriva ai piedi del podio Francois Cazzanelli 4° in 37’11”, seguito da Franco Collè 5° in 38’03”, Andrea Basolo 6°, Corrado Vigitello 7°, Oscar Dalbard 8°, Diego Vuillermoz 9° e Roberto Canonico 10° (e 1° Over45 in 41’36”).

Nella gara femminile conferma la vittoria dell’anno scorso Raffaella Miravalle, la forte skyrunner di Ceresole che nel periodo invernale si dedica con successo allo scialpinismo, con il tempo di 48’32”, dopo una bella lotta con Raffaella Gianotti seconda in 49’40”, terza Cristina Borgesio.

Nella Tecnica Libera vittoria di Giancarlo Costa in 48’26”.

Questa gara è gemellata con il 7° Trofeo Leonardo Follis (il campione di fondo e scialpinismo scomparso nel 2001 e rimasto nel cuore di tutti noi) che si disputerà mercoledi 19 gennaio a Gressoney Saint Jean sulla pista del Weissmatten.

In allegato le foto della gara di Palit, a breve online la classifica completa e la galleria fotografica completa su www.pantacolor.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti