A Roccaraso la seconda tappa dell’RDS Play on Tour | Snow Passion

A Roccaraso la seconda tappa dell’RDS Play on Tour

Di GIANCARLO COSTA ,

RDS Play on Tour Winter Edition
RDS Play on Tour Winter Edition

Neve a volontà e come di consueto arriva l’edizione invernale di RDS Play On Tour con il record di tappe mai organizzate, ben 7. Di questo pazzo inverno RDS è senza ombra di dubbio la radio ufficiale. La playlist RDS 100 % Grandi Successi sarà la protagonista sulle piste delle maggiori località invernali del nord e centro Italia accompagnata da Renault che metterà a disposizione, di chiunque voglia conoscere o effettuare un test drive, la Gamma Crossover/SUV e il Pick-up novità dell’anno. I quattro modelli che saranno protagonisti del RDS Play On Tour sono: Nuovo Captur, Kadjar, Nuovo Koleos e Nuovo Alaskan.

Sarà Roberta Lanfranchi la Regina delle Nevi a Roccaraso il 27 e 28 gennaio. L’RDS Play On Tour risalirà poi sulle Alpi e farà tappa a Tonale il 3 e il 4 febbraio sempre con la carica d’entusiasmo di Roberta Lanfranchi. Da Prato Nevoso, prima tappa del tour, Barty Colucci con il suo bagaglio di imitazioni e di scherzi che animano “Tutti Pazzi per RDS” raggiungerà Andalo il 10 e 11 febbraio. A conquistare il caloroso pubblico della Val di Fiemme ci sarà Anna Pettinelli il 17 e 18 febbraio e la settimana successiva tra un passaggio alle terme e una sciata sulla mitica Stelvio sarà possibile incontrare a Bormio (24 e 25 febbraio) Petra Loreggian. A chiudere questo trionfale tour che ancora una volta caratterizza il forte legame tra RDS 100% Grandi Successi e l’intrattenimento ad alta quota, Anna Pettinelli a Canazei il 3 e 4 marzo.

L’esperienza acquisita in questi anni ha portato alla realizzazione del più divertente, esclusivo e coinvolgente RDS Play on Tour che richiama l’attenzione oltre che degli appassionati anche di chi ama godersi la montagna senza dover per forza indossare una tuta da sci. Il Villaggio RDS Play On Tour è un luogo di incontro, di animazione e di giochi che viene ospitato con entusiasmo dalle località invernali che hanno modo con la piattaforma RDS radio, web e social di promuovere oltre il comprensorio sciistico anche le soluzioni di attrazione dell’apres-sky.
Il villaggio apre dalle 10.00 sia il sabato che la domenica e un party ad alta gradazione musicale è in calendario ogni sabato con un dj set esplosivo alla presenza dei conduttori RDS insieme ai dj del Papetee.

È una sfida importante quella di organizzare nell’arco dell’anno due RDS Play on Tour– dichiara Massimiliano Montefusco General manager RDS – L’edizione invernale ha la forte personalità di attrarre e coinvolgere il pubblico anche quando le temperature consiglierebbero di rimanere in baita e rappresenta la sintesi di un impegno pressante di tutte le nostre strutture dall’area commerciale a quella organizzativa fino ai nostri animatori e conduttori che seguono il tour e scaldano il pubblico. Dal punto di vista commerciale i partner possono usufruire della piattaforma web e social di RDS per incrementare i propri lead e creare maggiore engagement con il proprio target di riferimento.

Fonte inevidence

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti