Pierra Menta gara 3: il Gran Mont a Troillet-Jornet.

Di GIANCARLO COSTA ,

Discesa gara 2 foto alternativemedia.fr
Discesa gara 2 foto alternativemedia.fr

Gara 3 della Pierra Menta, quella più sentita da pubblico e atleti, quella del Gran Mont, per la coppia regina Florent Troillet (SVI)-Kilian Jornet Burgada (SPA), che vince in 2:33'15", sui giovani azzurri Lenzi-Holzknecht secondi in 2:36'01" che si portano al quarto posto in classifica generale, terzi i francesi Perrier-Bond Mardion in 2:36'29" secondi nella generale, quarti Reichegger-Brunod in 2:37'33" terzi nella generale. I sei minuti di vantaggio di Troillet-Burgada fanno pensare al loro successo finale, mentre per il podio lotta a tre.Tra le donne vittoria per Laetitia Roux-Mireira Miro Varela in 3:11'41" su Roberta Pedranzini-Francesca Martinelli seconde in 3:15'36", che però conservano la leadership della classifica generale. Terzo gradino del podio per Corinne Clos-Silvia Rocca in 3:39'09", sia nella tappa che nella generale.

Nella gara Junior azzurri sugli scudi con Antonioli-Boscacci primi davanti a Cazzanelli-Righi.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti