La Nazionale di scialpinismo rinnova con Karpos la sponsorizzazione per l'abbigliamento tecnico fino al 2016

Di GIANCARLO COSTA ,

La Nazionale di scialpinismo veste Karpos
La Nazionale di scialpinismo veste Karpos

Karpos, l'azienda italiana specializzata in abbigliamento tecnico ha rinnovato l'accordo con La Fisi fino al 2016 per la fornitura della divisa della Nazionale di sci alpinismo.

I successi in Coppa del mondo e ai Campionati Europei degli scialpinisti azzurri hanno spinto i dirigenti dell'azienda veneta del gruppo Sportful a mantenere il rapporto di collaborazione già attivo.

La stagione sarà ricca di appuntamenti e di attese soprattutto per l’evento mondiale di febbraio a Verbier, dove i portacolori azzurri sono attesi ad una riconferma di quanto fatto nelle ultime stagioni.

“La tuta", commenta Andrea Peron, Race Performance Director di Karpos, "è stata così tanto apprezzata dagli atleti azzurri che la loro soddisfazione ed i risultati che hanno ottenuto hanno portato altre Nazionali a chiederci di riprodurre lo stesso capo con le stesse grafiche. Questo però non è possibile, almeno per ora, visto che la tuta è stata il risultato di un lavoro certosino fatto proprio con gli atleti azzurri e quindi è nostro desiderio che possano contare su un capo dalle migliori prestazioni possibili per raggiungere i risultati migliori anche per la nuova stagione.”

Gli atleti della Nazionale non si sono però fermati con le ultime gare sulle nevi primaverili. Per alcuni di loro è iniziato un periodo di allenamenti e di preparazione su altri terreni, per loro forse meno convenzionali, ma molto utili per fare la base di preparazione in funzione della stagione invernale.

Alcuni atleti ad esempio hanno rappresentato la Nazionale alla granfondo di ciclismo Sportful Dolomiti Race vestendo i colori del 5° Cerchio Olimpico nella Sfida Olimpica che vedeva coinvolti quattro campioni olimpici come: Paolo Bettini, Jury Chechi, Antonio Rossi e Pietro Piller Cottrer che gareggiavano con le loro squadre. Il supporto del pubblico e degli altri atleti non è mancato e sicuramente anche il movimento dello sci alpinismo ha potuto instillare il desiderio di inforcare sci e pelli al grande mondo delle due ruote. Il Risultato della sfida era meno importante, anche se per la cronaca ha vinto per la seconda volta Jury Chechi.

Fonte fisi.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti