Michela Moioli d’argento ai Mondiali di Snowboardcross

Di GIANCARLO COSTA ,

Apertura Michela Moioli argento Mondiale SBX
Apertura Michela Moioli argento Mondiale SBX

Ancora una volta Michela Moioli fa salire il tricolore sul podio delle premiazioni di un grande evento di snowboard. Icona dello Snowboardcross, e di tutto il movimento italiano dello Snowboard, dopo l’oro olimpico, tre Coppe del Mondo, 3 medaglie di bronzo ai Campionati Mondiali, si è aggiudicata oggi la medaglia d’argento nella finale dello Snowboardcross ai Mondiali di Idre Fjall in Svezia. Dopo aver superato le qualificazioni, aver vinto la propria heat di quarto di finale, ha tirato fuori le unghie in semifinale, dove è riuscita a tenere testa alla francese Chloe Trespeuch ce la incalzava, ma l’azzurra è riuscita a rimanerle davanti, passando alla Big Final da seconda dietro la britannica Charlotte Bankes, oggi imprendibile per via di una tavola velocissima e di un ottimo feeling con il tracciato svedese. Tracciato con 63 strutture, lungo 1,2 km, con 160 metri di dislivello, in cui non si andava velocissimi, ma si dovevano “lavorare” le strutture, per non perdere velocità. Un tracciato a 4, in cui contava la tecnica e le doti di scorrevolezza.

In finale Michela Moioli doveva vedersela con Belle Brockhoff, Charlotte Bankes la ceca Eva Samkova. Michela non parte al massimo e si ritrova quarta, ma inizia una pressione sulla terza, l’australiana Belle Brockhoff, che a un certo punto cade e apre la strada alla linea migliore per la bergamasca, che non si fa pregare ad infilare la Samkova e va a prendersi l’argento alle spalle dell’imprendibile Charlotte Bankes, per la soddisfazione dei suoi allenatori Luca e Stefano Pozzolini e del DT Cesare Pisoni. In gara anche Raffaella Brutto decima e Sofia Belingheri quindicesima.

Nella gara maschile vittoria dello spagnolo Lucas Eguibar al fotofinish con l’austriaco Alessandro Haemmerle, bronzo per il canadese Eliot Grondin e medaglia di legno per l’austriaco Jokob Dusek.
Fuori negli ottavi gli azzurri in gara: Lorenzo Sommariva 19°, Omar Visintin 20°, Michele Godino 29° e Filippo Ferrari 45°.

Dichiarazioni

Michela Moioli: “E’ stata come previsto una gara impegnativa. Ho cercato di rimanere concentrata a ogni run, conservando il maggior numero di energie possibili. In finale non sono partita benissimo, e sono rimasta tranquilla dietro alle altre, perchè sapevo che nella parte bassa del tracciato avrei avuto la possibilità di recuperare. Purtroppo ho commesso un piccolo errore sul secondo salto, ma sono ugualmente contenta. Faccio i complimenti a Banks che ha vinto, dedico la medaglia a Sofia Goggia, io l’ho pensata in partenza e lei se ne è accorta con un un gesto che solo lei conosce. E’ una bella soddisfazione, perchè comunque non è mai facile vincere una medaglia ai Mondiali e riconfermarsi stagione dopo stagione. Abbiamo fatto un grande lavoro, ho al mio fianco persone magnifiche, che mi aiutano. Ci mancava una medaglia di questo colore nella mia collezione personale, è un ulteriore passo di crescita nel mio percorso. Adesso nella gara a squadre di venerdì (specialità nella quale ha conquistato l’argento nel 2019) mi voglio proprio divertire”. Michela correrà al fianco di Lorenzo Sommariva, le altre due coppie azzurre saranno composte da Omar Visintin/Raffaella Brutto e Belingheri/Ferrari.

A Michela arrivano anche i complimenti del direttore sportivo Cesare Pisoni: “Michela è una garanzia di medaglia in ogni occasione, mi spiace tanto per i suoi compagni di squadra che sono stati eliminati per una serie di errori, mentre Belingheri non è riuscita nemmeno a partire perchè in fase di spinta da cancelletto le è uscita una spalla. Se Michela non avesse preso un flat nell’ultima serie di salti magari le cose sarebbero andate in modo diverso, ma non è il caso di piangersi addosso. Questa neve non era nelle nostre corde, domani gareggeremo nella prova a squadre con tre squadre e proveremo ad arricchire il nostro bottino”.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti