Mark McMorris (CAN) è il vincitore del Billabong Air & Style Innsbruck-Tirol 2011

Di GIANCARLO COSTA ,

L'arena dell'Air&Style (foto air-style.at).jpg
L'arena dell'Air&Style (foto air-style.at).jpg

E’ l’evento forse più riconosciuto nel mondo dello snowboard dove, nello stadio di Belgisel a Innsbruck, freestyle, spettacolo, musica e top rider sono miscelati davanti ad una platea di 11000 spettatori. Finale a 4 rider con la vittoria del canadese Mark McMorris (autore di un Cab 1260 Double Cork) sul finlandese Peetu Piiroinen secondo, l’austriaco Werner Stock terzo e lo svedese Nils Arvidsson quarto.

Sconfitto il favorito canadese Sebastien Toutant, vincitore dell’Air & Style di Pechino e degli X-Games, da un avversario, l’americano Sage Kotsenburg che sfodera un salto incredibile: Cab 1440 Double Cork, cioè 4 giri su un asse con due sull’asse perpendicolare, il primo nella storia dello snowboard freestyle.

Nel Rookie Challenge del pomeriggio anche 2 italiani in gara: Giorgio Ciancaleoni, arrivato 4° nella scorsa edizione, ma 11° quest’anno e l’esordiente Marco Grigis 5°.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti