La Pila Skyrace chiude con un podio storico: Kilian Jornet, Reichegger e Brunod. Pedranzini e Miro prime parimerito, Clos terza

Di GIANCARLO COSTA ,

Nella-tundra-di-Pila-un-uomo-solo-al-comando: Kilian-Jornet-Burgada.jpg
Nella-tundra-di-Pila-un-uomo-solo-al-comando: Kilian-Jornet-Burgada.jpg

La terza giornata della Pila Skyrace propone una gara open, con la partecipazione dei migliori della Coppa del Mondo e dei Senior FISI. Si torna ad una formula classica, cioè gara diurna, dopo la notturna di sabato sera e la sprint di venerdì pomeriggio. Gara veloce e nervosa, con 3 salite e altrettante discesa, un passaggio in cresta, tutta in fuoripista, per mettere alla prova gli sci alpinisti in tutte le fasi, salita, discesa, cambi. Anche oggi prova ad inseguimento, "pursuit", come nel fondo si parte con i distacchi della giornata precedente. E' stata la novità del weekend, vedremo se avrà seguito. Si sarà divertito lo spagnolo Kilian Jornet Burgada nel ruolo di lepre, un po' meno gli altri costretti ad inseguire per 2 giorni il fuoriclasse spagnolo. Kilian mantiene il comando della gara controllando, visto che anche il suo più vicino inseguitore, lo svizzero Florent Troillet si ritira per  un problema tecnico. Manfred Reichegger, autore del miglior tempo di giornata, chiude al secondo posto e il suo compagno di sempre Dennis Brunod sale sul terzo gradino del podio. Anche se Dennis era perplesso, ha fatto una buona gara, dopo le difficoltà del sabato, tra la pila che l'ha lasciato al buio ed il freddo che l'ha bloccato. In tanti hanno avuto difficoltà con temperature vicino ai -20°, sicuramente la formula di questi tre giorni di gara è stata avvincente e spettacolare, ma il freddo polare ha messo a dura prova gli atleti in gara, e questi sono dei veri duri..

Grande prova anche per le ragazze, con Roberta Pedranzini che insegue e raggiunge la spagnola Mireira Miro e poi decidono di proseguire insieme fino al traguardo che tagliano prime pari merito. Terzo posto per la valdostana Corinne Clos, che sta prendendo fiducia nei suoi mezzi e farà sicuramente una buona stagione anche nelle gare internazionali.

Settimo assoluto e primo dei Senior Alessandro Taufer, seguito come sabato dal bravo Matteo Stacchetti, nono e secondo Senior. Tra le donne la spunta Raffaella Gianotti che è anche quarta assoluta, mentre tra i Master Roberto Aresca recuera su Carlo Chabod e tra gli Junior s'impone Antonioli su Cuaz e buona prova per Francois Cazzanelli dopo il ritiro del sabato a causa di un malore dovuto al freddo.

Guarda l'intervista con Kilian Jornet Burgada

A breve servizio fotografico e video sui tre giorni della Pila Skyrace.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti