La Norvegia domina le staffette di Beitostoelen, Italia decima

Di GIANCARLO COSTA ,

Podio maschile della staffetta di Beitostolen (foto fis)
Podio maschile della staffetta di Beitostolen (foto fis)

La Norvegia si prende anche la staffetta maschile a Beitostoelen centrando l'en-plein nel weekend con quattro successi su quattro, gare femminili comprese. L'ultimo è stato quello più complicato per i padroni di casa, con un testa a testa di 30 km con la Russia: in volata è stato Finn Haagen Krogh a battere Andrey Melnichenko. La Norvegia, oltre tutto, conquista anche il terzo gradino del podio con la sua seconda squadra che chiude con oltre un minuto di vantaggio sulla Svizzera.

Per l'Italia arriva un onorevole decimo posto. Gli azzurri mantengono più o meno la stessa posizione per tutta la gara, già dal primo frazionista Maicol Rastelli. Il solo Dietmar Noeckler passa dodicesimo, ma a pochi secondi dai rivali immediatamente avanti, poi Mirco Bertolina riporta gli azzurri in decima posizione e Francesco De Fabiani, il più veloce dei quattro, che la conserva. Mancava ovviamente Federico Pellegrino che non ha partecipato alla trasferta per preparare il prossimo weekend a Davos, dove torneranno le gare sprint (sabato 15) ed è in programma anche l'individuale di 15 km a tecnica libera.

Ordine d'arrivo staffetta maschile 7,5x4 Beitostoelen (Nor)
1. NORVEGIA I (Iversen/Sundby/Roethe/Krogh) 1:10:38.9
2. RUSSIA I (Belov/Bolshunov/Spitsov/Melnichenko) 1:10:39.6 +0.7
3. NORVEGIA II (Toenseth/Holund/Haga/Krueger) 1:11:32.3 +53.4
4. SVIZZERA 1:12:48.1 +2:09.2 +2:09.2
5. FRANCIA I 1:12:48.5 +2:09.5
6. GERMANIA 1:12:48.8 +2:09.9
7. FRANCIA II 1:12:48.9 +2:10.0
8. FINLANDIA I 1:12:51.4 +2:12.5
9. RUSSIA II 1:12.52.0 +2:13.1
10. ITALIA (Rastelli/Noeckler/Bertolina/De Fabiani) 1:13:07.4 +2:28.5

Gara femminile

La prima staffetta della stagione la vince la Norvegia padrona di casa, che del resto anche nelle gare individuali aveva dimostrato di avere le atlete più in forma. A fare la differenza nella 4x5 femminile di Beitostolen sono Therese Johaug, che ha vinto tutte le gare distance finora disputate, e Ingvild Oestberg: la prima, sciando in tecnica classica, regala il sorpasso sulla Russia nella seconda frazione e fa il vuoto sulla Neprayeva prima recuperando sette secondi di distacco e poi arrivando con un vantaggio di nove; la seconda, in tecnica libera, piazza l'allungo decisivo nell'ultima frazione su Anna Nechaevskaya. La russa crolla e viene superata anche dalla connazionale Soboleva, che porta Russia II sul secondo gradino del podio vincendo la volata con la finlandese Piippo.

La delusione della giornata è la Svezia, che col pettorale rosso arriva soltanto sesta, dietro anche Stati Uniti e Russia I, mentre l'Italia chiude al nono posto, staccata 2'24"6 dalla Norvegia. Sara Pellegrini in prima frazione ha perso quasi subito il contatto con le rivali e ha chiuso oltre un minuto dietro la Russia in quel momento al comando, Lucia Scardoni ha scalato un paio di posizioni, Elisa Brocard ha accorciato sulla Slovenia ed è stata la frazionista più veloce, mentre Ilaria Debertolis è riuscita a sorpassare la Slovenia avvicinandosi anche alla Germania.

La prossima tappa di Coppa del mondo a Davos non prevede staffette. Sabato 15 dicembre la gara sprint, domenica 16 la 10 km a tecnica libera.

Fonte fisi

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti