Itinerario scialpinismo e snowboard-alpinismo: Viridio e Rocca Parvo, da Chiappi - Val Grana

Di GIANCARLO COSTA ,

Apertura itinerario Viridio e Rocca Parvo
Apertura itinerario Viridio e Rocca Parvo

INIZIO ESCURSIONE: Chiappi – Castelmagno, Val Grana ( 1624 m)

ACCESSO: Per arrivare a Chiappi, prendere l’autostrada Torino-Savona, uscire a Fossano o Mondovì, quindi seguire le indicazioni per Cuneo e poi Caraglio e Val Grana. Risalire la Val Grana fino a Chiappi, qualche tornante sotto il Santuario di San Magno, parcheggiare presso il centro del fondo ed iniziare la salita.

DISLIVELLO: 1300 metri circa (900 per il Viridio + 400 per Rocca Parvo)

DIFFICOLTA: buon scialpinista o snowboarder-alpinista

TEMPO: circa 3 ore complessive per la salita

PERIODO CONSIGLIATO: da dicembre a marzo

ATTREZZATURA: da scialpinismo o snowboard-alpinismo (racchette, scietti o splitboard)

CARTOGRAFIA: IGC VALLI MAIRA GRANA STURA

INDIRIZZI UTILI:

Soccorso Alpino 118

www.comune.castelmagno.cn.it

Comune Castelmagno tel 0171986110

DESCRIZIONE ITINERARIO: Questo itinerario propone un giro ad anello, salendo prima il Viridio (quota 2498m), scendendo e risalendo al colletto e poi a Rocca Parvo (quota 2394m). Risalire la Val Grana fino a Chiappi, parcheggiare ed iniziare la salita. Attraversare il ponticello sul torrente Grana e addentrarsi nel vallone, dopo un primo tratto ripido la salita diventa più dolce nella parte centrale. Arrivati al colletto salire verso destra, verso l'evidente cima del Viridio a quota 2498 metri. Scendere il primo tratto di cresta e quindi imboccare l'evidente canalone a sinistra dove aver valutato la condizione della neve. Scendere fino a quota 2000 metri circa, quindi cambiare assetto ed iniziare l'evidente salita verso il colletto sotto Rocca Parvo. Appena prima del colletto prendere il canale a sinistra, risalendo a piedi ed aarrivare in vetta a Rocca Parvo. Valutare la condizione della neve per scendere con sci o snowboard. Ritornati al colletto iniziare la discesa, tenendosi sempre verso destra, quindi andare in direzione della strada innevata che va al colle del Fauniera scendere verso il Santuario di Castel Magno e prima di arrivarci scendere nel vallone, attraversare un ponticello e rientrare sulla pista di fondo al luogo di partenza.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti