Il norvegese Loeken e la svizzera Reymond vincono in Coppa del mondo Telemark a La Thuile

Di GIANCARLO COSTA ,

Il norvegese Trym Nygaard Loeken vincitore a La Thuile (foto organizzazione)
Il norvegese Trym Nygaard Loeken vincitore a La Thuile (foto organizzazione)

Con la gara della disciplina “Classic”, si è conclusa l’entusiasmante due giorni della Coppa del Mondo Telemark di La Thuile in Valle d'Aosta. Grande soddisfazione degli atleti, degli organizzatori e dei tecnici presenti.

“La pista è tecnica, difficile e spettacolare. È una grande soddisfazione aver potuto ospitare per la seconda volta la Coppa del Mondo di Telemark a La Thuile. Ringrazio l’organizzazione, la società degli impianti di risalita, la Federazione Italiana Sport Invernali, tutta la comunità valdostana, le istituzioni, i volontari e il centro sportivo dell’Esercito Italiano per aver supportato questo evento.” E continua “Speriamo di poter avere nella nostra località anche altre importanti manifestazioni internazionali di sci alpino di Coppa del Mondo. In tal senso è stato fatto un intenso lavoro da parte della FISI e soprattutto dal nostro Presidente Flavio Roda, che con convinzione ci supporta.” Queste le parole di Dante Berthod, consigliere federale FISI.

Mentre Marco Mosso, presidente di Asiva (Associazione Sport Invernali Valle d’Aosta) commenta “Due giornate di gare bellissime ed entusiasmanti per il mondo del Telemark. Due gare molto tecniche su una pista molto selettiva, dura e difficile che è stata preparata in modo ottimale dalla società delle Funivie Piccolo San Bernardo. Queste competizioni hanno messo in evidenza l’alto livello tecnico degli atleti in una disciplina che pur essendo di nicchia è molto sentita e mette in risalto la passione e la dedizione di questi campioni.”

La disciplina “Classic” ha avuto inizio domenica mattina alle ore 10.30 sulla “3 Franco Berthod”. Due minuti e poco più di gara in un tracciato molto più lungo della “Sprint” con ben 45 porte, un impegnativo salto, una parabolica, e un anello di sci nordico, che ha obbligato i 46 atleti in gara (14 donne e 32 uomini) ad un passo di pattinaggio davvero sfidante, prima di arrivare al traguardo.

Tra le donne ha trionfato la svizzera Amelie Reymond con il tempo di 2’06.14, conquistando la vittoria con una gara impeccabile. Al secondo posto l’inglese Jasmin Taylor in 2’09.11 e, di nuovo sul podio, dopo il primo posto di ieri nella Sprint, la francese Argeline Tan Bouquet terza in 2’12.33.
Amelie Reymond, che ritorna a calcare le scene della Coppa del Mondo di Telemark dopo la pausa della maternità e che ieri ha ottenuto il secondo piazzamento ha commentato così la sua vittoria “Sono felicissima di questo primo posto. La Classic è una gara davvero dura e a La Thuile lo è ancor di più se si considera la tipologia di pista. La 3 Franco Berthod è infatti un bel banco di prova, un tracciato molto tecnico con una pendenza e un salto che la rendono davvero emozionante!”

La gara maschile si è conclusa con la vittoria del norvegese Trym Nygaard Loeken (2’00.85) che conquista il gradino più alto del podio davanti allo svizzero Stefan Matter che ha fermato il cronometro a 2’03.73, seguito dal suo connazionale Nicolas Michel che ha fatto segnare il tempo di 2’04.47.
Trym Nygaard Loeken che in questi due giorni di gare ha fatto una straordinaria doppietta, esprime il suo entusiasmo “Quel che provo ora è incredibile! Mi sembra un sogno! Non potevo aspirare a un risultato migliore e proprio qui a La Thuile dove la pista è molto difficile. La Classic è una disciplina faticosa che mette tutti gli atleti a dura prova!”

L’italiano Davide Dallago, dopo la caduta del sabato nella quale si è infortunato alla spalla, non ha potuto prendere parte alla seconda giornata di gare. Il suo compagno di squadra Raphael Mahlknecht ha concluso la gara al 19° posto con un tempo di 2’18.80.

La Thuile anche questa volta ha fatto centro ed è stata promossa a pieni voti da tecnici e atleti.

Fonte VI Comunica

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti