Fotofinish e volata per stabilire i vincitori de La Sgambeda Classic Livigno (SO): Katerina Smutna (AUT) e John Kristian Dahl (NOR), Giorgio DI Centa miglior italiano

Di GIANCARLO COSTA ,

La Sgambeda Classic (foto Borga)
La Sgambeda Classic (foto Borga)

La 26esima edizione de La Sgambeda di Livigno sarà ricordata nella storia del Piccolo Tibet valtellinese e non solo. Un'edizione  rivista e modificata nel percorso e nella lunghezza a causa dell'assenza di neve naturale che sta colpendo tutte le Alpi, ma non cancellata. Con un grande sforzo organizzativo, La Sgambeda si è corsa su un anello di 6 km nella piana centrale del paese, interamente coperto da innevamento artificiale. Una pista che ha ricevuto il plauso degli atleti che hanno gareggiato e dei moltissimi appassionati di sci di fondo che, già da metà novembre, hanno potuto sciare e allenarsi a Livigno. Ora l'anello continuerà a essere a disposizione del pubblico, con accesso gratuito ogni giorno. 

La gara di oggi, La Sgambeda Classic, inserita nel circuito Visma Ski Classics, che raggruppa le 10 granfondo internazionali più importanti e che ha preso il via ieri da Livigno con il Prologo a Squadre, si è svolta su un percorso di 24 km (4 giri da 6 km ciascuno). 

Le prime a prendere il via alle ore 9.45 (temperatura -3,5°, neve compatta e cielo sereno) sono state le atlete professioniste della categoria Donne Elite, seguite dagli Uomini Elite e quindi dagli Amatori, per un totale di 900 fondisti che hanno colorato l'anello bianco disegnato lungo il paese. 

Sia la gara femminile che quella maschile si sono concluse con uno sprint finale. Tra le Donne Elite, Katerina Smutna (AUT) del Team Santander con il tempo di 1.01.47 ha preceduto di un solo centesimo Britta Johansson Norgren (SWE) del Lager 157 Ski Team e Justyna Kowalczyk (POL) la campionessa olimpica e mondiale che corre per il Team Santander, che hanno chiuso a parimerito. Prima delle italiane in gara, Deborah Rosa del Gruppo Sportino Alpini Asiago che ha chiuso al 21esimo posto. 

In campo maschile si è imposto John Kristian Dahl (NOR) del Team United Bakeries in 0.53.15.03 davanti a Eugeny Dementiev (RUS) del Team Futura in 0.53.15.11 e Johan Kjolstad (NOR)  del team United Bakeries in 0.53.15.44. Primo degli italiani, Giorgio Di Centa, (vincitorie ieri della gara di Coppa Italia a Santa Caterina Valfurva, del C.S.Carabinieri Sez. Sci, che ha chiuso al 19esimo posto in 0.54.00 . 76esimo posto per Nicolas Bormolini, atleta di casa del Team Futura, e 101esimo per il fratello gemello Thomas Bormolini. 

Fonte U.S.Livigno

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti