Epic Ski Tour interamente ospitato a Trento e sul Monte Bondone il 29 e 30 gennaio

Di GIANCARLO COSTA ,

Partenza Epic Ski Tour (foto Newspower)
Partenza Epic Ski Tour (foto Newspower)

E’ un inverno partito in anticipo quello di quest’anno, con le copiose nevicate degli scorsi giorni che hanno imbiancato, e non poco, i prati d'alta quota e le cime alpine del nord Italia. Neve che ha contribuito a sollevare l'umore di appassionati ed organizzatori di eventi sportivi, che sognano in grande per un 2021 che potrà iniziare sotto una nuova stella.

Interessanti novità attendono l'Epic Ski Tour dedicata agli amanti dello scialpinismo e che nella prossima edizione sarà interamente ospitata dalla città di Trento e dal comprensorio sciistico del Monte Bondone. Le date da segnare sul calendario sono quelle di venerdì 29 e sabato 30 gennaio 2021.
Venerdì appuntamento in Piazza Duomo a Trento con l’area Expo, Epic Talk e i vari briefing tecnici. Sabato invece sul Monte Bondone si svolgeranno le gare in formula “Epic Race”, “Vertical Race” e “Giovani Race”, oltre alla ormai apprezzata “4All” in cui tutti gli appassionati potranno godere dello scialpinismo in versione non agonistica. I partecipanti all’evento “4All” saranno suddivisi in tre gruppi in base al livello di abilità, ovvero “Rookie” per i principianti, “Beginner” e “Advanced” per i più esperti, accompagnati in escursioni al seguito di una guida alpina.

Nel tardo pomeriggio sarà tempo, per gli atleti, di impostare la modalità “Race” con tre percorsi a partire dai 1654 m. di Vason. Gli atleti più allenati e audaci sceglieranno senza indugi la “Epic Race” – il cui nome la dice tutta – che con i suoi 15,2 km e 1850 metri di dislivello positivo costituirà il 'main event' di giornata. Un 'su e giù' senza sosta lungo i check-point allestiti sul Monte Bondone, così dopo la partenza si salirà lungo la pista da sci fino ad arrivare al primo cambio, appena sotto la cima Palon, per poi scendere a Malga Mezzavia con pendenza a doppie cifre. La risalita alla cima Palon è per cuori forti e presenterà un dislivello di 900 metri in poco più di 3 km. Il prosieguo è un'altalena di saliscendi che porterà i partecipanti prima a Vaneze, poi alla località Montesel e successivamente sul traguardo di Vason.

Ben altro tipo di sforzo quello richiesto ai concorrenti della “Vertical Race”, molto più concentrato e ridotto in termini di tempo rispetto alla ‘Epic’, ma non certo meno impegnativo. Da Vason gli sci punteranno direttamente verso cima Palon, con l'obiettivo di scalare i 426 metri di dislivello e i 1900 metri che portano al traguardo nel minor tempo possibile. Sarà un'impresa tutt'altro che semplice, se si considera che la pista da sci che porta alla vetta presenterà punti di massima pendenza pari al 43,3%.
Ultimo, ma certo non per importanza, sarà l'evento dedicato alle nuove leve dello scialpinismo, i ragazzi tra i 14 e i 17 anni che potranno prendere il via alla “Giovani Race”. Un percorso un po’ meno impegnativo, anche questo con i faretti sul casco, a spasso sul Monte Bondone e adatto all’età.
Come nelle passate stagioni, anche questa volta sarà un arrivo in notturna particolarmente suggestivo, con gli astri del cielo ad accogliere le “stelle” dello scialpinismo sotto l'arco finale.

I preparativi per allestire la manifestazione sono già ben avviati e non si aspetta altro che il 29 e il 30 gennaio marchino il loro segno sul calendario. Lo spettacolo sarà da non perdere e il Monte Bondone – come suo solito al centro delle attrazioni sportive – riserverà uno scenario unico.
Epic Ski Tour: una “Epic Adventure” nel cuore del Trentino.

Fonte Newspower

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti