A Dobbiaco i preparativi per il Tour de Ski 2021

Di GIANCARLO COSTA ,

Tour de Ski a Dobbiaco (foto Newspower)
Tour de Ski a Dobbiaco (foto Newspower)

Un fine settimana, quello scorso, che ha ridato ossigeno allo sci di fondo italiano, che ha ripreso finalmente a gareggiare grazie alla disponibilità del comitato organizzatore SportOK della Coppa del Mondo di Dobbiaco. Due giorni di Coppa Italia che dovevano servire a… togliere la ‘ruggine’ ad un comitato fermo, agonisticamente parlando, dal Tour de Ski dello scorso Capodanno, ma sono stati utili anche come test event in vista del Tour de Ski che sarà ospitato alla Nordic Arena il 5 e 6 gennaio prossimi. È stata, insomma, l’occasione per verificare se le norme in materia di Coronavirus dettate dalla FIS per le gare di Coppa sono azzeccate.

Irene Watschinger, vice-presidente del comitato altoatesino, è anche responsabile del progetto anti Covid. Con i suoi collaboratori e un virologo ha studiato nel dettaglio ogni attività, e tutto è andato per il verso giusto: “Per noi era importante verificare se la nostra macchina organizzativa aveva recepito bene tutte le norme, sia delle autorità amministrative che sportive. Devo dire che i nostri volontari e il nostro personale hanno interagito perfettamente e guardiamo con fiducia all’appuntamento dei primi di gennaio”, ha detto Irene Watschinger.
Molto soddisfatto anche il presidente Gerti Taschler: “Sono rimasto particolarmente sorpreso dagli atleti e dai tecnici, tutti hanno osservato le indicazioni, tutto è andato come previsto. Siamo sulla strada giusta per il Tour. La notizia che Svezia e Finlandia hanno confermato la propria presenza mi dà la carica giusta. Mancheranno i norvegesi? Nessun problema, ci saranno anche i russi che a Dobbiaco hanno sempre calcato il podio”.
Insomma, appena archiviata la Coppa Italia, oggi il comitato è già in campo per risistemare lo stadio. Manca meno di un mese, e se la neve non è più un problema dopo le nevicate della scorsa settimana, occorre predisporre tutte le infrastrutture, e sono molte, per ospitare un evento di cartello come il Tour de Ski.
Tradizionale il programma, con la 10 km e la 15 km individuale martedì 5 gennaio e la pursuit mercoledì 6 sulle stesse distanze, ma in tecnica classica anziché libera come il primo giorno.

La pista riserverà qualche piccola variante per rendere ancora più pepate le competizioni, anche dal punto di vista televisivo, perché il Tour de Ski è uno degli eventi che maggiormente piacciono agli sportivi della TV. Come è noto, le gare saranno “a porte chiuse”, ma le maggiori emittenti mondiali trasmetteranno le immagini delle quattro sfide in gran parte live e con alcune differite.
In Coppa Italia a dirigere la gara c’era Marina Rizzo, che al Tour de Ski sarà la vice di Eugenio Rizzo, il quale sta seguendo con attenzione l’evolversi della situazione per dare assoluta priorità alla salute e alla sicurezza degli atleti, garantendo la “bolla” voluta dalla FIS.

Ora si sta attendendo con curiosità la convocazione degli azzurri, impegnati nelle prime gare di Coppa del Mondo e di OPA Cup il prossimo weekend. A quel punto il DT Marco Selle con i suoi allenatori deciderà la squadra. Peccato solo che non ci potrà essere il pubblico ad incitare soprattutto gli italiani.
Il programma è confermato, martedì 5 gennaio alle ore 13 la Individual 10 km femminile, alle 14.45 la 15 km maschile in tecnica libera. Mercoledì 6 invece la pursuit in classico, 10 km femminile alle 13.30 e 15 km maschile.

Fonte Newspower

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti