Definito il percorso della Marcialonga: 57 km e partenza da Mazzin

Di GIANCARLO COSTA ,

Partenza Marcialonga (foto d'archivio)
Partenza Marcialonga (foto d'archivio)

Prima il caldo, poi la pioggia, ma Marcialonga è più forte anche delle bizze dell’inverno e domenica 25 gennaio è pronta ad offrire ai quasi 8000 fondisti un percorso di 57 km. La partenza è stata spostata da Moena a Mazzin e la gara scatterà alle ore 9.00, per poi proseguire lungo il tracciato “originario” con il passaggio da Canazei, la ridiscesa della Val di Fassa e l’ultima parte di gara in Val di Fiemme sino al traguardo in centro a Cavalese. La decisione degli organizzatori è maturata nella riunione tenutasi nella serata di ieri, dopo che il meteo non ha assistito la Marcialonga nemmeno lo scorso fine settimana. La riduzione del percorso interessa anche la Marcialonga Light che misurerà 33 km e si concluderà a Predazzo, come da programma.

Per la granfondo trentina si tratta di un traguardo importante: in un’annata sicuramente molto difficile dal punto di vista meteorologico sono molto poche le gare che possono vantare un percorso “lineare” di 57 km, mentre molti altri eventi vengono cancellati o si svolgono in “circuito”. Il grande lavoro di queste settimane e lo sforzo economico degli organizzatori sono stati rivolti ad onorare gli impegni presi da Marcialonga con le Valli di Fiemme e Fassa, il Trentino, le amministrazioni locali, gli sponsor ed ovviamente tutti i concorrenti che, soprattutto dal nord Europa hanno già prenotato hotels e voli per partecipare.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti