Costa Garbella e Monte Pianard da Palanfrè, Vernante – Itinerario Sci e Snowboard Alpinismo

Di GIANCARLO COSTA ,

Apertura itinerario Palanfrè Costa Garbella
Apertura itinerario Palanfrè Costa Garbella

INIZIO ESCURSIONE: Palanfrè (quota 1379m), Vernante (CN)
ACCESSO: Per arrivare a Palanfrè, prendere l’autostrada Torino-Savona e uscire a Cuneo, quindi seguire le indicazioni per Francia confine di stato e Limone Piemonte. Sulla statale per Limone Piemonte si incontra Vernante, al semaforo girare a destra e salire destinazione Palanfrè (quota 1379m)
DIFFICOLTA: BSA (Buoni sciatori e snowboarder alpinisti)

PERIODO CONSIGLIATO da dicembre a marzo
ATTREZZATURA: da scialpinismo, snowboard-alpinismo, utili rampant e ramponi per i tratti ripidi
CARTOGRAFIA: IGC 1:50000 ALPI MARITTIME E LIGURI
INDIRIZZI UTILI:
Soccorso alpino 118
www.alpicuneesi.it

DESCRIZIONE ITINERARI

Quest’itinerario propone una salita/discesa doppia su due cime, Costa Garbella e Monte Pianard, con partenza da Palanfrè (quota 1379m), in Valle Grande, valle laterale della valle Vermegnana. Ovviamente entrambe le salite/discese possono essere eseguite singolarmente.
Arrivati al parcheggio di Palanfrè, in corrispondenza della pista di fondo, parcheggiare ed iniziare l’escursione.

Costa Garbella

Dal parcheggio per la pista di fondo di Palanfrè risalire il pendio al margine del bosco, seguire a tratti la poderale innevata, ad un cartello che indica Gias Colombo a sinistra e Colle Garbella a destra, svoltare a sinistra e si arriva ad un pianoro con casotto del guardaparco e stazione nivo-meteo, da qui risalire il vallone, quasi sin sotto le pendici del Monte Garbella. Circa 100 metri della base rocciosa, deviare a sinistra, raggiungere la dorsale con un diagonale via via più ripido, in cui possono essere utili rampant o ramponi, per arrivare in cresta nella sua quota più elevata di 2253 metri, con un dislivello dalla partenza di 874 metri.
In discesa seguire il percorso di salita al contrario, oppure scendere il pendio diretto sotto Costa Garbella, per poi piegare a sinistra nella parte bassa e rientrare nel percorso di salita.

Monte Pianard

Dal parcheggio per la pista di fondo di Palanfrè, partire in piano, prendendo come riferimento l’evidente bastionata rocciosa della Rocca d’Orel, di cui la prima parte di salita è comune. Superato il tratto di alberi e arbusti, iniziare la salita, tenendo il lato sinistro del vallone, con una traccia a volte diretta e volte con inversioni. Nell’ultimo tratto di salita, piegare a sinistra e poi a destra per risalire il pendio che si fa più ripido, fino alla croce di vetta. Da questo punto si può concatenare la salita, usando i ramponi, con la cresta che porta in vetta alla Rocca d’Orel.
In discesa seguire l’itinerario di salita, con neve assestata si può scendere direttamente dalla croce di vetta nel vallone la prima ripida parte del pendio. La quota di vetta è 2306 metri, il dislivello è di 927 metri.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti