Canale Hotel Jorasses, Monte Labiez da Flassin Saint-Oyen – Itinerario sci e snowboard alpinismo

Di GIANCARLO COSTA ,

Apertura Canale Hotel Jorasses
Apertura Canale Hotel Jorasses

INIZIO ESCURSIONE: Flassin, Saint Oyen (Quota 1370 metri)
ACCESSO: Per arrivare a Flassin, prendere l’autostrada A5 Torino-Aosta, uscire ad Aosta Est, prendere la statale 27 in direzione del Traforo del Gran San Bernardo, circa un chilometro dopo Etroubles svoltare a sinistra prima di Saint Oyen e seguire le indicazione per l’impianto di fondo del Flassin, a quota 1370, parcheggiare in corrispondenza della partenza delle piste di fondo ed iniziare l’escursione.
DISLIVELLO: 1300 metri
DIFFICOLTA’: 4.3 / E3
TEMPO: circa 3h
PERIODO CONSIGLIATO da Gennaio a Marzo
ATTREZZATURA: da scialpinismo o snowboard-alpinismo, ramponi e piccozze
CARTOGRAFIA: IGC n° 4 1:50000

DESCRIZIONE ITINERARIO

Partendo dalle piste di fondo del Flassin (quota 1370m), prendere la direzione della normale salita al Flassin, risalendo il bosco percorrendo la stradina innevata fino ad oltrepassare l'alpeggio Flassin (quota 1700m), proseguire sulla stradina innevata e quando la stradina gira destra, proseguire diritti nel bosco per un breve tratto, poi il pendio diventa più aperto, continuare in direzione di due evidenti canali che iniziano a circa 50 metri di distanza l'uno dall'altro. Quello di sinistra è stato ribattezzato Hotel Jorasses, quello di destra Bonsai della Cuccagna. Prendere quello di sinistra, l’Hotel Jorasses, circa 700 metri di dislivello con una pendenza costanti tra 40° e 45°, con un'ultima parte di circa 200 metri a 45° piuttosto stretta. Nella parte iniziale del canale potrebbe esserci un risalto di ghiaccio che va risalito in piolet traction. L’intero canale va risalito con ramponi e una o due piccozze, fino allo sbocco su una spalla a circa 2500 metri di quota, da cui per pendii più aperti si raggiungere la vetta del Mont Labiez (quota 2670m). A questo punto scendere con sci o snowboard il canale salito, con l’accortezza, se il canale è di neve troppo dura, di scendere impugnando le piccozze o disarrampicando i primi metri dove il canale è molto stretto.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti