Big Air di Milano: vittorie dell’americano Corning e dell’austriaca Gasser, ottimo 7° Alberto Maffei

Di GIANCARLO COSTA ,

Podio maschile tutto americano per il Big Air Milano (foto fis snowboard)
Podio maschile tutto americano per il Big Air Milano (foto fis snowboard)

È dominio a stelle e strisce nella finale del Big Air di snowboard nel City Event di Milano. Chris Corning non lascia dubbi sulla sua leadership e va a vincere con 182,75 punti, davanti ai connazionali Redmond Gerard, con 163 punti, e Kyle Mack, con 161,50 punti. Ottimo quarto posto in recupero per il canadese Antoine Truchon, mentre è quinto il belga Seppe Smits. Bella gara, la migliore della carriera, per l'azzurro Alberto Maffei, 22enne di Pinzolo, sin qui al massimo 22/o nel Big Air dello scorso anno ad Alpensia, in Corea. Maffei strappa un'eccellente qualificazione grazie ad un ben eseguito backside 1440 Triple Cork, che riporta in Finale ottenendo ancora un buon punteggio da una giuria molto attenta all'esecuzione pulita dei trick. Maffei non riesce ad ottenere lo stesso alto punteggio sul secondo trick, che poi replica anche nella terza run, e chiude al settimo posto con 136,25 punti totali.
Fuori nelle qualificazioni gli altri azzurri impegnati: Nicola Liviero 9° nella sua Heat di qualificazione, Emil Zulian 11°, Loris Framarin 14° ed Emanuele Cesare Girotto 18°.

Nella gara femminile di Big Air, vittoria della fuoriclasse austriaca Anna Gasser con 160,25 punti, già trionfatrice lo scorso anno sulla rampa di Milano, davanti all'inglese Katie Ormerod, con 143,25, e alla svizzera Sina Candrian, con 130,25.
20°o posto nelle qualificazioni per Margherita Meneghetti, unica azzurra al via.

Le dichiarazioni di Alberto Maffei: “Sono felicissimo del mio piazzamento, sono arrivato in finale grazie a un Backside 1440 Triple Cork, una manovra su cui ho lavorato tanto proprio perché sapevo che poteva regalarmi la qualificazione, soprattutto in un Big Air. Gareggiare in Italia mi ha dato qualcosa in più, e lasciatemelo dire la vista su Milano da lassù e da paura. In finale ho provato a divertirmi, sono partito bene ma dopo mi è mancato l'acuto decisivo".

Fonte fisi

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti