L'Xtreme di Verbier (SVI) ha assegnato i titoli di Campioni del Mondo del Freeride World Tour

Di GIANCARLO COSTA ,

L'Xtreme di Verbier finale del Freeride World Tour 2014 (foto CARLIER)
L'Xtreme di Verbier finale del Freeride World Tour 2014 (foto CARLIER)

Rimandato di una settimana s'è disputato sabato scorso il mitico Xtreme di Verbier, sulla Bec des Rosses, 500 metri di dislivello con pendenze tra i 45° e i 55°, tra neve fresca e pietre, con gli spettacolari e adrenalinici passaggi e salti di sciatori e snowboard, i top rider mondiali.

Spettacolo doveva essere e spettacolo è stato, dove i finalisti, che poi erano i migliori del ranking 2014 dopo le prove di Courmayeur, Chamonix e Fieberbrun (Revelstoke in Canada era stata annullata per maltempo).

Le prime a scendere sono state le donne, prima le snowboarder e poi le sciatrici. La battaglia per il titolo di campione del mondo era tra l'americana Shannan Yates e la rookie local Estelle Balet che cadono entrambe. Quindi la campionessa 2013, la francese Elodie Mouthon, è riuscita a bissare la vittoria nell'Xtreme di Verbier con salti e atterraggi perfetti. Il titolo assoluto andava comunque a Shannan Yates.

Tra le sciatrici la campionessa in carica, l'austriaca Nadine Wallner, è riuscito a mantenere il titolo anche nel 2014, con una buona stagione complessiva e il secondo posto di Verbier. L' unica sciatrice a superarla è stata la norvegese Pia Nic Gundersen, autrice di un saltone esagerato di circa 12 metri che le ha permesso di conquistare la “corona” del Bec des Rosses.

Dopo le ragarre è toccato agli uomini affrontare la Bec des Rosses dalla cima, a partire dagli snowboarder. Per il titolato americano Ralph Backstrom, è arrivata la seconda vittoria nell'Xtreme Verbier, fatto di grandi salti e stile fluido. Ma per la prima volta la corona di Campione del Mondo del Freeride World Tour non ha lasciato le montagne svizzere, visto che il titolo è andato al local Emilien Badoux, con tre podi e una vittoria a Chamonix.

Quindi gran finale con 15 sciatori. Uno dei favoriti, lo svedese solido Reine Barkered, ha ripetuto la sua vittoria del 2012, con una discesa fatta di salti, stile e passaggi tecnici. Quindi il rookie Loic Collomb-Patton di La Clusaz (FRA), prende al volo la possibilità di conquistare la corona del Freeride World Tour, con il terzo posto nell'Xtreme Verbier.

Queste le sue dichiarazioni: "E 'un sogno che si avvera. Non mi sentivo così bene lo start. Ero molto sotto pressione e non era molto fiducioso con la mia linea . Una volta sulla montagna, mi sono buttato, veloce e alto nei salti ed è andata bene. In questo primo anno nel tour il mio obiettivo era quello di essere nei 12 che si qualificavano per Verbier, ma vincere è un sogno che si realizza.

Nicolas Hale-Woods, il FWT General Manager Europe ha così commentato la finale di Verbier: "Terminare il Freeride World Tour con la finale impressionante di Verbier è stata una conclusione perfetta per una stagione sulle montagne russe con tanto di rinvii e cancellazioni. Ma la montagna è così, bisogna sapersi adattare alla natura e ai capricci del tempo. Comunque sono stati cinque eventi di successo, i rider sempre più forti e un sistema piramidale che prevede gli eventi di qualificazione e quelli per gli junior. Quindi speriamo in un futuro sempre più roseo per il Freeride World Tour by The North Face.”

I Campioni del Freeride World Tour

Ski Men: Loïc Collomb-Patton FRA

Snowboard Men: Emilien Badoux SUI

Ski Women: Nadine Wallner AUT

Snowboard Women: Shannan Yates USA

I vincitori dello SWATCH XTREME VERBIER 2014 BY THE NORTH FACE®

Ski Men: Reine Barkered SWE, 93.25 points

Snowboard Men: Ralph Backstrom USA, 77.75 points

Ski Women: Pia Nic Gundersen NOR, 83.50 points

Snowboard Women: Elodie Mouthon FRA, 72.25 points

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti