La Vertical Race Rifugio Miryam diventa "Memorial Scilligo". E Formazza Ski apre allo scialpinismo

Di GIANCARLO COSTA ,

L'arrivo di Sisto Scilligo alle Olmpiadi di Garmisch
L'arrivo di Sisto Scilligo alle Olmpiadi di Garmisch

Di Lorenzo Scandroglio

Sabato 16 febbraio è l'anno zero di una nuova era: in occasione della Vertical Race Rifugio Miryam, quarta tappa di IST, il comprensorio sciistico di Formazza Ski inizia un progetto pilota unico su un'ampia sezione dell'arco alpino italiano. Grazie a un accordo con l'associazione Linea Verticale che organizza l'International Ski Tour, gli associati in regola con l'iscrizione 2013, tutti i mercoledì e venerdì, potranno fruire gratuitamente della pista per gli allenamenti in orario serale (ritiro obbligatorio del giornaliero in biglietteria dalle 17 alle 20 previa esibizione della tessera personale di Linea Verticale con il bollino 2013). Per i non soci il costo del ticket di ingresso con sci e pelli nel comprensorio sarà invece di €. 3,00. Naturalmente fuori da questi giorni e orari, oppure senza l'autorizzazione, i trasgressori saranno sanzionati a norma di legge. Questa settimana, invece, in vista della gara, apertura promozionale a tutti nei giorni mercoledì 13 e giovedì 14 febbraio (sempre dalle 17 alle 20) per provare il percorso. Fra le altre grandi novità l'itinerario e la dedica della manifestazione al campione formazzino Sisto Scilligo. Ecco le istruzioni per l'uso...

Sono tante le novità, specie per il movimento scialpinistico ossolano, che si accompagnano alla seconda edizione della Vertical Race Rifugio Miryam: Ma entriamo nel dettaglio:

1. Vertical Race Rifugio Miryam "Memorial Sisto Scilligo"

La dedica al grande campione Sisto Scilligo non è casuale: le iscrizioni, la partenza, la cena e le premiazioni della manifestazione sono fissate all'albergo Ristorante Rotenthal di proprietà della famiglia Scilligo, del compianto Romualdo Scilligo, figlio dell'iridato a Garmisch che, ai tempi, ritornò dalla Germania accolto da ali di folla festanti, ultimo erede di quella generazione di sciatori "allenati" da Don Rocco Beltrami (il "grande Torino" dello sci) che vinse per molti anni su tutto l'arco alpino tra le due guerre mondiali, piegando le squadre di Cortina, di Courmayeur e di molte altre blasonate località delle Alpi. I vincitori delle categorie senior maschile e femminile della gara di sabato riceveranno, oltre al premio, la foto incorniciata in legno di Scilligo mentre taglia il traguardo e vince l'oro nel 1936.

2. Scialpinismo in notturna sulla pista del Sagersboden: come dove quando

Formazza Ski, società che gestisce il comprensorio sciistico di Formazza, e l'Associazione Linea Verticale, organizzatrice dell'International Ski Tour, hanno siglato un accordo storico sul piano sportivo per questa piccola grande disciplina del mondo alpino che è lo ski alp. D'ora in poi, diversamente da quel che accade altrove in Italia dalle Alpi Marittime a quelle friulane, dove la linea di condotta prevalente da parte dei gestori è quella repressiva, in Formazza verrà sperimentata un'apertura verso il mondo in espansione dello scialpinismo. D'ora in poi a mezz'ora da Domodossola, dopo il lavoro, gli scialpinisti in cerca di piste per l'allenamento su cui poter salire e scendere con le pelli, avranno pane per i loro denti. Quando? dalle 17 alle 20 dei giorni mercoledì e venerdì. 

Ecco come fare: 

Prima di tutto (come già nel 2011-2012 per coloro che partecipano all'International Ski Tour) occorre effettuare l'iscrizione all'associazione Linea Verticale. L'iscrizione annuale, fino a sabato 16 febbraio 2013 quando si svolgerà la Vertical Race Rif. Miryam Memorial Scilligo, costerà €. 5,00 (l'associazione, come è noto, svolge attività totalmente volontaria e gratuita sia organizzando lo Ski Tour, sia organizzando altre iniziative nel mondo della cultura e dell'ambiente montani). Dopo quella data l'iscrizione costerà €. 10,00. Le iscrizioni si effettuano nella sede dell'associazione presso il Bar al Buco di Gravellona Toce (Corso Sempione 163) oppure contattando Dario Darioli (tel. +39.0323.848105; +39.366.7415870).

In secondo luogo, una volta in regola con l'iscrizione per l'anno 2013, nei giorni mercoledì e venerdì dalle 17 alle 20, prima di risalire la pista, occorre presentare la propria tessera personale alla biglietteria di Formazza Ski ottenendo così l'autorizzazione a sciare con sci e pelli nel comprensorio del Sagersboden. L'ingresso al singolo giorno vale anche per salite e discese multiple che possono andare oltre le ore 20, purché si sia ottenuta l'autorizzazione entro le 20. In questo caso gli ingressi sono sempre gratuiti. 

Per coloro che invece non sono iscritti a Linea Verticale, l'ingresso singolo nel comprensorio per effettuare scialpinismo (sempre e comunque il mercoledì e il venerdì dalle 17 alle 20) costa €. 3,00. Poiché la legge regionale sulla sicurezza prevede che lo scialpinismo in pista sia vietato salvo deroga del gestore, e che la deroga è stabilita secondo le regole di cui sopra, i trasgressori (cioè coloro che non avranno avuto l'autorizzazione in biglietteria) saranno sanzionati secondo le normative vigenti.

3. Mercoledì 13 e giovedì 14 febbraio libero ski alp "notturno" al Sagersboden

Mercoledì 13 e giovedì 14 febbraio 2013 Formazza Ski permetterà, a titolo promozionale, la salita libera e gratuita a tutti dalle ore 17 alle ore 20.

4. Seggiovia: prezzo convenzionato per il pubblico della Vertical Race

Sabato 16 febbraio, entro le ore 16:20, il pubblico della quarta tappa dell'International Ski Tour potrà usufruire della salita al Sagersboden con la seggiovia alla tariffa convenzionata di €. 6,00 (sola andata).

5. Vertical Race: nuovo percorso, nuovo programma. Poi la festa di Carnevale

Il cambiamento di percorso ha comportato innanzitutto uno slittamento dell'orario d'inizio della scialpinistica dalle 16 alle 16:30 per consentire agli sciatori presenti sulla pista di concludere le proprie discese. La partenza è fissata davanti al Ristorante Rotenthal dove gli scialpinisti, allo start, cominceranno a piedi con gli sci in mano. Dopo circa 200 metri si sormonta il terreno innevato alla base della pista del "Sage", si fissano gli sci agli scarponi e si comincia la salita. Una volta giunti sui tornanti del Sagersboden che conducono in Val Vannino due sono le ipotesi: se le condizioni lo permetteranno (molto dipende dalle precipitazioni previste in queste ore), all'ultima "S", si abbandona la gippabile, si agganciano obbligatoriamente gli sci allo zaino e si sale un canale sulla sinistra che permetterà di arrivare al Rifugio Miryam dall'itinerario inedito di un vecchio sentiero abbandonato che passa nei pressi di un alpeggio diroccato; se invece le condizioni non dovessero permetterlo, si progeguirà sulla gippabile. 

Materiali obbligatori: nonostante la durata delle giornate possa consentire lo svolgimento di tutto il percorso di salita ancora con la luce, è obbligatorio sia l'uso del casco che della frontale (per il rientro); sono inoltre obbligatori lo zainetto con i laccioli per agganciare gli sci, l'artva, la pala e la sonda.

Ma ecco il programma:

h. 14:30 - 16:15 iscrizioni presso Albergo - Ristorante Rotenthal (€. 25,00 compresi cena, premiazioni e gadget da freeride della "Kask");

h. 16:30 partenza davanti al Rotenthal con arrivo al Rifugio Miryam;

h. 19:00 cena e premiazioni al Ristorante Rotenthal (durante la cena sarà possibile iscriversi all'Associazione Linea Verticale che, lo ricordiamo, è obbligatoria sia per la partecipazione al campionato IST, sia per avere diritto ai premi finali di International Ski Tour e al premio fedeltà);

h. 22:30 - all night long festa di Carnevale nel paese di Formazza.

Info: tel. +39.0324.63154; +39.339.4046395 - web: www.rifugiomiryam.org - www.formazzaski.com

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti