Valanga mortale nel canale Torre Roma nel gruppo del Sella

Di GIANCARLO COSTA ,

Etienne Bernard (foto fb Bernard)
Etienne Bernard (foto fb Bernard)

È stato trovato ieri pomeriggio il corpo senza vita di Etienne Bernard, Guida Alpina e Maestro di Sci, disperso da mercoledì nel gruppo del Sella. Causa del decesso una valanga in fondo al canale Torre Roma, lungo il versante verso Arabba, al confine tra Trentino e Veneto.

Ricerche difficili a causa del vento che limitava l’azione dell’elisoccorso.
La valanga è stata individuata nella notte nella zona del canale Torre Roma dai soccorritori della Stazione Alta Fassa del Soccorso Alpino Trentino e della Stazione di Livinallongo del Soccorso Alpino Veneto, saliti in quota per una ricognizione.

Nel corso del pomeriggio di ieri, i soccorritori, Soccorso Alpino e Speleologico del Trentino e Centro Addestramento Polizia di Stato di Moena, unità cinofile e operatori della Stazione Alta Fassa e Centro Fassa, hanno effettuato la bonifica con i cani, con l'Artva, le sonde e con il dispositivo Recco, ritrovando il corpo senza vita dello sfortunato scialpinista.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti