In Val Martello Laetitia Roux e Josef Rottmoser vincono la Sprint Race di Coppa del Mondo, secondi Robert Antonoli ed Elena Nicolini. Successi nelle categorie giovanili per Giulia Compagnoni e Nadir Maguet

Di GIANCARLO COSTA ,

Sprint di Coppa del Mondo in Val Martello (foto Selvatico)
Sprint di Coppa del Mondo in Val Martello (foto Selvatico)

Domenica mattina al centro Biathlon di Martello (Bolzano - Italia) si è svolta la Sprint Race del circuito Scarpa ISMF World Cup. Il Comitato Organizzatore ha allestito un percorso molto tecnico e impegnativo che ha soddisfatto atleti e soprattutto il pubblico che dalla zona di partenza e arrivo poteva seguire lo svolgimento di tutta la gara.

I primi a partire sono stati i ragazzi delle categorie Junior. Dopo le fasi di qualificazione si sono trovati in finale Giulia Compagnoni, Alba De Silvestro, Laura Balet Caixach, Marianne Fatton, Lena Bonnel e Una Forchthammer. L’azzurra Giulia Compagnoni, non sentendo la fatica della gara di sabato, si è messa sin da subito a tirare il gruppo, nel tratto tecnico da affrontare a piedi con gli sci nello zaino, la battistrada aveva già un vantaggio rassicurante. Al cambio d’assetto del giro di boa, l’italiana non commette errori e vola verso il traguardo fermando il cronometro in 4’00’’. In seconda posizione con 3’’ di ritardo si è classificata la svizzera Marianne Fatton, il podio è stato completato dalla francese Lena Bonnel.

In campo maschile sulla linea di partenza della finale erano schierati Davide Magnini, Simon Bellabouvier, Thomas Corthay, Swann Juillaguet, Valentino Bacca e Pietro Canclini. Subito dopo lo sparo è stato Davide Magnini a prendere l’iniziativa, alle sue spalle il francese Bellabouvier e Corthay. Magnini tiene la prima posizione sino all’ultimo cambio dove Thomas Corthay, approfittando di una sbavatura di Magnini nel togliere le pelli dagli sci, esce dalla piazzola per primo. Lo svizzero stringe i denti, in discesa non commette errori, tagliando il traguardo con il tempo di 3’08’’. Magnini conferma la seconda posizione con appena due secondi di ritardo, mentre Bellabouvier è terzo con 3’15’’.

Dopo la cerimonia floreale delle categorie Junior, si sono aperti i cancelletti per i Senior. Le qualificazioni e le due semifinali hanno portato in finale i due tedeschi Rottmoser e Lautenbacher, Robert Antonioli, Yannick Ecoeur, Nadir Maguet e Marcel Marti. Nell’ultima tornata Rottmoser parte subito in testa, alle sue spalle il Campione del Mondo Robert Antonioli sembra in difficoltà e sale tra la quarta e quinta posizione, dietro a Rottmoser ci sono quindi Lautenbacher e Ecoeur. Nel tratto al piedi, come di consueto, Robert Antonioli mette il turbo e guadagna la seconda posizione. All’ultimo cambio Rottmoser esce dalla piazzola per primo con un piccolo margine che gli permette di mettersi al collo la medaglia d’oro con il tempo di 3’26’’. Antonioli conferma la seconda posizione con soli cinque secondi di ritardo. Toni Lautenbacher completa il podio con 3’37’’.

Le donne della categoria Senior, dopo le fasi di qualificazione sono approdate direttamente alle semifinali. Le due prove hanno condotto in finale, Elena Nicolini, Laetitia Roux, Emelie Forsberg, Malene Haukøy, Melanie Bernier e Martina Valmassoi.

Sin dai primi secondi di gara si era subito capito che solo la francese Laetitia Roux poteva vincere questa prova di Coppa del Mondo. Per la conquista della seconda posizione c’è stata una bellissima battaglia sportiva tra Emelie Forsberg ed Elena Nicolini. La Roux taglia il traguardo con il tempo di 3’43’’, alle sue spalle l’azzurra Nicolini, dimostrando una lucidità mentale ed atletica riesce ad avere la meglio sulla svedese Forsberg. La Nicolini chiude in 3’54’’ mentre la Forsberg ferma il cronometro in 3’57’’.

Nella categoria Espoir vincono Nadir Maguet e Marta Garcia Farres.

Il circuito Scarpa ISMF World Cup ritornerà a fine marzo e precisamente dal 27 al 29 marzo sulle nevi italiane di Prato Nevoso in provincia di Cuneo.

Fonte Areaphoto

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti