Tut da Calè: lo sci ripido di Roberto Garnero e Diego Fiorito

Di GIANCARLO COSTA ,

Tut da calè, lo sci ripido di Roberto Garnero e Diego Fiorito
Tut da calè, lo sci ripido di Roberto Garnero e Diego Fiorito

Roberto Garnero e Diego Fiorito, protagonisti dello sci ripido con nuovi itinerari sulle montagne del cuneese e non solo, hanno presentato sabato scorso, presso il rifugio Campo Base in alta Val Maira a Chiappera, le loro avventure.

Numerosa la partecipazione degli appassionati di scialpinismo e sci ripido, con un'atmosfera piacevole e calorosa. La serata è iniziata con una proiezione di immagini, accompagnate da musiche ed è proseguita con le domande poste dal pubblico.

Immagini tratte dalle discese effettuate da Roberto Garnero e Diego Fiorito, con panorami suggestivi e a volte inesplorati, sia delle montagne del cuneese che della Valle d'Aosta, con la neve caduta il giorno prima che ha fatto da cornice alla serata.

Il video della serata è stato montato da Bruno Rosano, autore di libri come “Charamaio en Val Mairo” che descrive tutti gli itinerari scialpinistici della Val Maira.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti