Trofeo Marmotta in Val Martello (BZ) a Guido Giacomelli e Veronika Swidrak

Di GIANCARLO COSTA ,

Salita nel canale
Salita nel canale

Giornata densa di sorprese in Val Martello (BZ) in occasione del Trofeo Marmotta, ma anche con due belle conferme, innanzitutto il tempo che è stato clemente, addirittura con sprazzi di sereno, quindi la vittoria guadagnata digrignando i denti di Guido Giacomelli sull´impegnativo tracciato di 13,8 km e 1818 metri di dislivello. Tante sorprese perché tra le donne ha vinto l´austriaca Veronika Swidrak con al terzo posto, a causa di una pessima discesa finale, il bronzo olimpico del fondo a Salt Lake Natascia Leonardi Cortesi, e un buon secondo posto per Sabrina Zanon.

Vittorie straniere anche tra gli junior (percorso di 9,7 km e 1090 metri dislivello) con i due "pepatissimi" austriaci Philipp Brugger e Martin Weisskopf e con la tedesca Barbara Abler al femminile, e tra gli espoir con Jakob Hermann davanti al gardenese Michael Möling.  Gli azzurrini si consolano con le vittorie fra i cadetti di Mirko Ferrari ed Elisa Antiga. Infine, tra i master, l´altoatesino Ubald Karlegger ha ribaltato il successo a favore dell´Italia mettendosi dietro l´austriaco Otmar Leo.

È stata una bella gara questo 3° Trofeo Marmotta, valido sia per l´"Austria Cup Ski Tour" sia per la Coppa Dolomiti, con il campionato austriaco a condizionare in qualche modo i risultati.

Il piatto forte di questa gara in Val Martello è stato il tracciato, osannato da tutti i partecipanti, anche quelli che hanno "litigato" col cronometro. Un percorso molto tecnico, con due tratti alpinistici e con salite molto dure e discese affascinanti nella spessa coltre di neve, in fuoripista ovviamente.

Il bel tempo, col sole che ogni tanto ha fatto capolino tra le nubi, ha sottolineato un successo organizzativo che ha convinto i dirigenti dell´ASV Martello, capitanati di Georg Altstätter, a candidarsi per la Coppa del Mondo già dalla prossima stagione.

La gara senior maschile ha avuto un indiscusso protagonista, e non poteva essere diversamente. Guido Giacomelli è partito subito con la convinzione di fare selezione e ci è riuscito. Pur iscritto, non si è presentato al via l´atteso Martin Riz, mentre il più forte degli austriaci, Wolfgang Klocker, in partenza ha rotto un bastoncino, è ritornato ai "box" ed è ripartito quando il lungo serpentone aveva già abbandonato la piana. Giacomelli dall´alto della sua esperienza ha messo tutti gli avversari in affanno, e sulle code dei suoi sci hanno tentato di lanciarsi Follador, Zulian, Dezulian, Taufer e lo sloveno Kuhar.

In vetta alla prima salita, mangiati come un antipasto i 1.035 metri di dislivello, è transitato per primo il bormino. E Giacomelli era sempre in testa anche alla fine della prima discesa, nella seconda salita invece ha visto avvicinarsi Follador, pagando un po´ la stanchezza di una serie continua di gare, ma soprattutto lo "stop" di quasi un anno dovuto ad un ginocchio che anche oggi lo ha condizionato in salita.

Dietro a comandare l´inseguimento c´erano Follador, Kuhar, Dezulian, i più forti insomma. Poi l´ultima vertiginosa discesa da Cima Martello, 1235 metri in apnea, roba da discesa libera in fuoripista. E lì si è decisa la gara. Giacomelli ha inserito la marcia veloce, Follador invece ha avuto problemi seri con l´attacco che spesso si sganciava, e questo ha consentito a Dezulian di raggiungerlo e "bruciarlo" lungo il canalone in discesa, dopo aver passato anche Kuhar.

Così la vittoria è andata a Giacomelli (1h44´21") davanti a Dezulian a 1´4" ed a Follador a 1´23". Lo sloveno Kuhar e il trentino Taufer hanno "mantenuto" la posizione mentre Zulian - in giornata no, ma pure lui vittima di problemi "meccanici" con lo scarpone destro ko - è finito a ridosso dei primi cinque. Chi invece ha deluso i pronostici sono stati Antiga (11°) e Martini (13°), mentre Thomas Trettel ha chiuso 9°.

Tra le donne si sono iscritte in extremis la svizzera Natascia Leonardi Cortesi e la francese Veronique Lathuraz, due atlete che soprattutto in passato hanno lasciato il segno anche ai campionati mondiali di ski alp. Gara all´insegna dell´elvetica fino al termine dell´ultima salita, lei che, fondista, ha gambe e fiato da vendere. Ma nell´ultima vertiginosa discesa l´austriaca Swidrak ha sfoderato una grande agilità e quel briciolo d´"incoscienza" che nei momenti topici non guasta, ed ha guadagnato la testa piombando sul traguardo dopo 2h16´58". Dopo quasi 4´ si è presentata un´inattesa Sabrina Zanon, che in discesa ha messo il turbo staccando di 1´ la Leonardi Cortesi. Medaglia di legno per Orietta Calliari.

Delle gare giovanili e dei master abbiamo già detto, sicuramente gli austriaci hanno dato quel pizzico di internazionalità in più al Trofeo Marmotta che ora guarda con interesse al calendario di Coppa del Mondo 2011.  

Classifica Senior Maschile:

1) Giacomelli Guido (SC Alta Valtellina) 1.44.21; 2) Dezulian Riccardo (Bogn da Nia) 1.45.25; 3) Follador Alessandro (Dolomiti Ski Alp) 1.45.44; 4) Kuhar Nejc (SLO) 1.46.20; 5) Taufer Alessandro (Ski Club San Martino) 1.48.39; 6) Zulian Ivo (Bogn da Nia) 1.50.16; 7) Scalet Titta (Ski Club San Martino) 1.51.53; 8) Klocker Wolfgang (Hagan Martini Team) 1.52.44; 9) Trettel Thomas (Asd Cauriol) 1.53.13; 10) Innerhofer Paul (Mountain Ski SSV Taufers) 1.53.55

Senior Femminile:

1) Swidrak Veronika (TS Schwaighofer Br) 2.16.58; 2) Zanon Sabrina (Asd Cauriol) 2.20.30; 3) Leonardi Natascia (Sui) 2.21.26; 4) Calliari orietta (Brenta Team) 2.26.52; 5) Innerhofer Andrea (Mountain Ski SSV Taufers) 2.29.41

Junior Maschile:

1) Brugger Philipp (Oeav Zweig Innsbruck) 1.14.56; 2) Weisskopf Martin (Bergfuhrer Venediger) 1.15.16; 3) Wilberger Bruno (Pele Dynafit Team) 1.15.49

Junior Femminile:

1) Abler Barbara (Dav Nationalteam) 1.59.29; 2) Casari Stefania (Ads Ca<uriol) 2.06.18

Cadetti Maschile:

1) Ferrari Mirko (Brenta Team) 1.15.42; 2) Nicolini Federico (Brenta Team) 1.19.30: 3) Vanzetta Gianluca (Asd Cauriol) 1.20.17

Cadetti Femminile:

1) Antiga  Elisa (Brenta Team) 2.30.04

Master Maschile:

1) Karlegger Ubald (Liberi) 2.06.39; 2) Leo Otmar (TS Schwaighofer Br) 2.07.43; 3) Weger Hubert (Mountain Ski SSV Taufers) 2.07.49

Espoir Maschile:

1) Hermann Jakob ( Biotech) 1.52.47; 2) Moling Michael ( Badiasport) 2.00.03; 3) Bontempelli Manuel (Sci fondo Val di Sole) 2.02.11

Comunicato Ufficio Stampa Newspower

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti