Tris d'assi alla Randonnèe di Leudze di Ozein (AO): Brunod, Trento e Sbalbi. Corinne Clos regina femminile

Di GIANCARLO COSTA ,

Il-panorama-all'arrivo-della-Randonnee-di-Leudze.jpg
Il-panorama-all'arrivo-della-Randonnee-di-Leudze.jpg

Bella gara questa di Ozein, sopra Aymavilles in Valle d'Aosta, dedicata alla memoria di Silvano Borre, e compresa nel circuito di gare scialpinistiche "Ski-Alp sotto le stelle e il sole" tra Valle d'Aosta e Piemonte. La specialità è Vertical Race, cioè sola salita, ma il punto culminante è Point de la Pierre a quota 2653 metri, ovvero un percorso classico per gli scialpinisti valdostani, con 1200 metri di dislivello. La partenza è stata posta un po' più in basso rispetto alla passata edizione, e quindi subito bagarre soprattutto a centro gruppo, visto che 165 concorrenti non sono pochi per una gara presa subito con un piglio anaerobico. Rispetto alla tre giorni di Pila di Coppa del Mondo, che è solo dall'altra parte della montagna, c'è una temperatura decisamente più gradevole e una neve molto bella, visto che la zona è stata risparmiata dalla pioggia in quota della notte di Natale.

Alcuni dei protagonisti di Pila erano al via, infatti il trio di testa era di assoluto valore internazionale, con Dennis Brunod che la spunta nel finale in 52'08", sul compagno del Centro Sportivo Esercito Denis Trento secondo in 52'15", terzo il francese Toni Sbalbi (affezionato alle gare valdostane) in 52'18". Quarto in grande forma lo junior, promessa dello scialpinismo valdostano, Francois Cazzanelli in 58'38", seguito dall'ottimo Ezio Bordet quinto in 58'51", con Matteo Stacchetti sesto in 59'34", Corrado Vigitello settimo in 59'38" (questi sette sono stati sotto l'ora di gara). Ottavo Massimo Junod in 1:01'08", seguito da Mattia Luboz nono in 1:01'22" e decimo Maurizio Enrici in 1:01'38".

Emersa dalla tre giorni di Pila come una delle migliori scialpiniste di Coppa del Mondo,  Corinne Clos sì è imposta alla grande in 1:05'04",  sul duo composto da Christiane Nex e Alessandra Gianatti, giunte nell'ordine in volata con lo stesso tempo 1:14'57". Quarto posto per Maria Orlando in 1:23'49" e quinta Ilaria Iemmi in 1:26'23".

A Carlo Chabod in 1:04'55" la classifica Over 45, su Roberto Canonico secondo in 1:05'13" e Roberto Aresca terzo in 1:08'22". Giovanna Vegoscocco s'impone nella classifica Over 45 femminile in 1:33'23".

Nella Tecnica Libera (con gli sci di fondo o sci corti&snowboard) vince Antonio Brusaferro in 1:10'49" su Giancarlo Costa secondo in 1:16'17", terzo Henri Turcotti in 1:17'10", quarto Mario Vuillermoz in 1:19'35" e quinto Rocco Cauteruccio in 1:22'58".

Per tutti un  bel rientro a tracciare la neve fresca caduta nei giorni scorsi, senza l'assillo di scendere a "rotta di collo" verso il traguardo, anche se una gara così bella forse merita un ritorno a valle agonistico.

In allegato la classifica completa.

A breve l'articolo fotografico ed il video di questa bella giornata post-natalizia passata  sulla neve di Point de la Pierre. 

Foto di Roberto Dallera

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti