TRIONFO AZZURRO AL TOUR DU RUTOR EXTRÊME CON EYDALLIN-TRENTO e PEDRANZINI-MARTINELLI - LA COPPA DEL MONDO A MANFRED REICHEGGER

Di GIANCARLO COSTA ,

Eydallin e Trento con l'allenatore Conta nella terza decisiva salita al Col Glacier de Morion di tappa 2
Eydallin e Trento con l'allenatore Conta nella terza decisiva salita al Col Glacier de Morion di tappa 2

Doppio tris, oggi, per Matteo Eydallin - Denis Trento e per Roberta Pedranzini - Francesca Martinelli al Tour du Rutor Extrême che hanno chiuso in bellezza, con la terza tappa di Planaval, in Valle d'Aosta, la Coppa del Mondo di scialpinismo. Pronostici pienamente rispettati in tutto e per tutto, con la consegna dei trofei all'altoatesino Manfred Reichegger ed alla francese Laetitia Roux.

All'albeggiare gli atleti hanno trovato un cielo imbronciato, ma poi le nuvole hanno lasciato spazio al sole che ha illuminato scorci affascinanti, come quelli del Rutor e dello Château Blanc e in lontananza il "Bianco". Era la tappa più dura delle tre, la più spettacolare con passaggi "da urlo" ai piedi del ghiacciaio dello Château Blanc (2.850 m.), a Punta Flambeau (3.320 m.) e con l'ultima salita in assetto alpinistico sulla cima del Mont Château Blanc (3.422 m.).

Prima del via le dichiarazioni di Eydallin e Trento erano tiepide, prevedevano una gara di "controllo" anche perchè la stanchezza si faceva sentire.

Per la prima mezz'ora il gruppo era ancora compatto, con i migliori in testa proiettati verso Plan Petet (2282 m.). Davanti a fare l'andatura i francesi Sbalbi-Blanc con Reichegger-Holzknecht a mostrare i denti, ed i leader provvisori della gara Eydallin-Trento a controllare la situazione. Incollati c'erano gli svizzeri Ecouer-Troillet ed i catalani Burgada-Pastoret. Tra le donne la coppia valtellinese Pedranzini-Martinelli aveva già staccato di 2' le valdostane Pellissier-Clos e le francesi Roux-Bourillon, impegnate nella lotta per il secondo posto della generale del Tour du Rutor Extrême.

Ai piedi del ghiacciaio dello Château Blanc, dopo che gli atleti avevano assorbito 1296 m. di dislivello, Eydallin-Trento avevano dato uno scossone al gruppetto dei fuggitivi, ma Ecouer-Troillet erano francobollati ai due alpini. Reichegger-Holzknecht e i francesi Sbalbi-Blanc pagavano invece qualche secondo.

Sul Colle di Planaval (3010 m) transitavano tre coppie in un fazzoletto con Ecouer-Troillet, Eydallin-Trento e Sbalbi-Blanc. Reichegger-Holzknecht, scivolati quarti, subivano un calo di Holzknecht tanto che Reichegger decideva di "trainare" con un cordino il compagno.

La chiave di volta della gara si è avuta a Punta Flambeau. Al cambio pelli i due azzurri erano più agili degli elvetici e guadagnavano la testa. Era una colpo "mortale" per i due svizzeri che si sono visti sgusciare nel passaggio in cresta, autentico spartiacque con una traccia di pochi centimetri, i due azzurri. Anche i francesi erano leggermente in affanno e così permettevano a Reichegger Holzknecht di rosicchiare qualche metro. Pastoret e Burgada avevano perso lo smalto dei giorni precedenti, ma resistevano al quinto posto.

Nell'ultima salita, con gli sci in spalla, gli svizzeri tentavano il tutto per tutto, ma Eydallin era uno schiacciasassi con Trento "in scia".

All'ultimo cambio pelli Eydallin e Trento sentivano già il fiato sul collo degli svizzeri, e così si lanciavano in una frenetica discesa, che li catapultava per primi sul traguardo di Planaval gremito di curiosi ed appassionati.

Sull'infuocato traguardo di Planaval, Matteo Eydallin e Denis Trento bloccavano il cronometro dopo 2h22'45, il tempo necessario per bersi tutti d'un fiato i 2.294 metri di dislivello.

Dopo 41" le due tute rosse degli svizzeri Ecoeur e Troillet confermavano il secondo posto di giornata e di gara, con i francesi Blanc Sbalbi terzi a 1'39".

Poi suspance fino a quando Reichegger-Holzknecht chiudevano in quarta posizione, con l'altoatesino che finiva direttamente sul gradino più alto del podio di Coppa del Mondo. Una gran giornata per la sua prima "vera" Coppa del Mondo, quella assoluta e della nuova federazione internazionale, l'ISMF.

Tra le donne la gara è stata ancora una volta a senso unico, con le "bormine volanti" Pedranzini-Martinelli a dominare fin dall'inizio e chiudere il loro "tris" al Tour du Rutor con una splendida passerella finale. Seconde le valdostane Pellissier-Clos che hanno inflitto un distacco enorme alle francesi. Una grande prova d'orgoglio che relegava Roux e Bourillon al terzo posto.

La Roux non aveva nemmeno il tempo di riprendere fiato che l'Assessore al Turismo della Regione Valle D'Aosta Aurelio Marguerettaz le metteva tra le mani la tanto agognata "Coppa".

In gara c'erano anche gli Junior, con la formazione di casa Cazzanelli-Righi che  ai piedi del ghiacciaio lamentava un passivo di 1'20" dalla "solita" coppia degli svizzeri Marti-Tissières. La lunga discesa verso il traguardo riservava però una bella sorpresa, i giovani valdostani riuscivano a recuperare lo svantaggio sugli elvetici e a tagliare il traguardo per primi vincendo la tappa. La vittoria del Tour du Rutor Extrême categoria Junior maschile è andata tuttavia agli svizzeri con un tempo complessivo di 3h53'36". Nella Junior femminile vittoria preannunciata per la coppia franco-svizzera Favre-Richard.

Il Tour du Rutor Extrême fa parte anche del Trophée des Alpes, trofeo che è finito nelle mani dei vincitori della gara valdostana, Eydallin-Trento e Pedranzini-Martinelli.

Dopo l'affollata premiazione ad Arvier, giù il sipario su una gara che ha regalato emozioni a go-go. Bravi gli organizzatori dello S.C. Gex ed i 150 volontari che hanno messo in pista, anzi... fuoripista,  una gara così impegnativa.

CLASSIFICHE

3.a tappa Tour du Rutor Extrême

Senior Maschile:

1) Eydallin Matteo- Trento Denis ITA 2:22:45; 2) Ecouer Yannick - Troillet Florent  SUI 2:23:26; 3) Blanc Didier - Sbalbi Tony FRA 2:24:24; 4) Holzknecht Lorenzo - Reichegger Manfred  ITA 2:25:02; 5) Jornet Burgada Kilian - Sola Pastoret Marc  ESP 2:27:02 ; 6) Bon Mardion William - Bonnet Nicolas  FRA 2:29:26; 7) Murada Ivan - Pellissier Jean ITA 2:32:38; 8) Farquet Ernest - Moret Didier  SUI 2:34:21; 9) Lenzi Damiano - Seletto Alain  ITA 2:34:28 ; 10) Lanfranchi Pietro - Pedrini Daniele  ITA 2:34:30

Senior Femminile:

1) Martinelli Francesca - Pedranzini Roberta ITA 3:02:20; 2) Clos Corinne - Pellissier Gloriana ITA 3:05:12; 3) Bourillon Nathalie - Roux Laetitia FRA 3:13:53 ; 4) Gex-Fabry Emilie - Magnenat Gabrielle SUI 3:14:29; 5) Ariadna Tudel Cuberes - Dusautoir Bertrand Sophie AND 3:20:13

Junior Maschile:

1) Cazzanelli Francois - Righi Filippo ITA 1:23:41 ; 2) Marti Werner - Tissières Alan SUI 1:23:53; 3) Gachet Pierre-Francois - Michele Boscacci ITA 1:28:36; 4) Jacquemoud Mathéo - Pichot Julien FRA 1:31:07; 5) Bignotti Matteo - Pierantoni Davide ITA 1:35:03

Junior Femminile:

1) Favre Emilie - Richard Mireille FRA SUI 1:56:55

Master Maschile:

1) Santin Oswald - Wurzer Manfred ITA 2:51:15; 2) Borettaz Massimo - Ouvrier Giuseppe ITA 2:52:29; 3) Armin Pfaff -Schlachter Rolf GER 3:15:52

Classifica dopo 3 tappe Tour du Rutor Extrême

Senior Maschile

1) Eydallin Matteo- Trento Denis ITA 6:41:13; 2) Ecouer Yannick -Troillet Florent SUI 6:43:36 ; 3) Blanc Didier - Sbalbi Tony FRA 6:45:41; 4) Holzknecht Lorenzo - Reichegger Manfred ITA 6:47:19; 5) Jornet Burgada Kilian - Sola Pastoret Marc ESP 6:50:05

Senior Femminile

1) Martinelli Francesca - Pedranzini Roberta ITA 8:23:46; 2) Clos Corinne - Pellissier Gloriana ITA 8:40:31; 3) Bourillon Nathalie - Roux Laetitia FRA 8:48:34 ; 4) Gex-Fabry Emilie - Magnenat Gabrielle SUI 9:12:14; 5) Ariadna Tudel Cuberes - Dusautoir Bertrand Sophie AND 9:17:20

Junior Maschile

1) Marti Werner - Tissières Alan SUI 3:53:36 ; 2) Cazzanelli Francois - Righi Filippo ITA 3:54:41; 3) Gachet Pierre-Francois  - Michele Boscacci FRA ITA 4:01:02 ; 4) Jacquemoud Mathéo  - Pichot Julien FRA 4:14:29 ; 5) Tissière Mathieu - Vernaz Piémont Sébastien SUI FRA 4:18:48

Junior Femminile:

1) Favre Emilie - Richard Mireille FRA SUI 5:21:15

COPPA DEL MONDO - CLASSIFICA FINALE:

Maschile:

1) Manfred Reichegger ITA 482; 2) Denis Trento ITA 476; 3) Kilian Jornet Burgada ESP 453; 4) Florent Troillet SUI 426 ; 5) Yannick Buffet FRA 411; 6) Matteo Eydallin ITA 385; 7) Lorenzo Holzknecht ITA 377; 8) Tony Sbalbi FRA 309; 9) Yannick Ecoeur SUI 291; 10) Dennis Brunod ITA 262

Femminile:

1) Laetitia Roux FRA 565; 2) Roberta Pedranzini ITA 533; 3) Francesca Martinelli ITA 495; 4) Mireia Miró Varela ESP 360; 5) Gabrielle Magnenat SUI 297; 6) Gloriana Pellissier ITA 274; 7) Sophie Dusautoir Bertrand AND 239; 8) Izaskun Zubizarreta ESP 238; 9) Klaudia Tasz POL 220; 10) Ariadna Tudel Cuberes AND 217 

In allegato la classifica generale delle tre tappe.

Comunicato Ufficio Stampa Newspower

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti