Transcavallo Coppa del Mondo: vittorie di Kilian e Laetitia Roux, 3° Michele Boscacci

Di GIANCARLO COSTA ,

Michele Boscacci all'attacco nella Coppa del Mondo Transcavallo (foto ISMF)
Michele Boscacci all'attacco nella Coppa del Mondo Transcavallo (foto ISMF)

Kilian Jornet e Laetitia Roux guadagnano punti preziosi nella prima gara della quarta tappa del circuito ISMF Skimountaineering World Cup 2016. Sulle nevi dell’Alpago e precisamente a Col Indes, qualche chilometro sopra il paese di Tambre, è andata in scena questa mattina la prova individuale.  Per la categoria maschile una gara molto tecnica e nervosa con 5 salite e 4 discese. Il tracciato in parte modificato a causa del pericolo valanghe è salito prima verso Cima Vacche per poi scendere verso il traguardo e risalire verso Casera Palantina. Dopo la discesa di Casera Palantina gli atleti hanno affrontato nuovamente la salita salita verso Cima Vacche per tuffarsi infine verso il traguardo.
Una gara di vero scialpinismo, con oltre 1600m di dislivello positivo, che ha esaltato il catalano Kilian Jornet Burgada e reso la prova dei migliori quanto mai avvincente. Dopo essere stato sin dall’inizio nel gruppo di testa, Jornet ha salutato tutti sulla penultima salita e proseguito in solitaria verso il traguardo. Per lui successo strameritato in 1h50’17”. Alle sue spalle i rimanenti posti da podio si sono decisi nella discesina a piedi che precedeva il lancio verso il traguardo. Qui il giovane Anton Palzer è riuscito a guadagnare qualche metro all’azzurro Michele Boscacci. Per il tedesco secondo posto assoluto e oro espoir in 1h51’00”. 18” di distacco per Boscacci che chiude al terzo posto. A seguire William Bon Mardion, Matheo Jacquemoud, Lorenzo Holzknecht, Martin Anthamatten, Nadir Maguet (2° Espoir), Leo Viret e Filippo Barazzuol.
Al femminile una salita in meno rispetto agli uomini e ennesima gara nel segno della transalpina Laetitia Roux che vince con ampio margine – 2h00’09” il suo crono – sulla spagnola Nahia Altuna Quincoces -2h05’45”-. Terzo posto per la svizzera Jennifer Fiechter -2h05’54”-. Nelle dieci anche Claudia Galicia Cotrina, Katia Tomatis, Martina Valmassoi, Lorna Bonnel, Alba De Silvestro, Ida Nilsson e Marta Farres Garcia.  

Successo azzurro in gara junior con Davide Magnini vittorioso sullo svizzero Samuel Equy e sull’altro italiano Nicolò Canclini. Al femminile da segnalare la vittoria della francese Lena Bonnel sull’italiana Giulia Murada e la francese Adele Milloz.
Per quanto riguarda la categoria espoir Anton Palzer ha ovviamente primeggiato su Nadir Maguet e William Bofelli. Al femminile l’azzurra Alba De Silvestro ha invece messo dietro le svizzere Marianne Fatton e Eugenie Tornay. 
Domani mattina il programma di World Cup prevede la seconda prova a Piancavallo.  In gara gli uomini jet con qualificazioni e finali. Cardiopalma e grande show per una sprint che si preannuncia elettrizzante.

Fonte Areaphoto.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti