La traccia bianca all'Alpe Devero (VCO): Emanuela Brizio e Antonio Molinari le racchette d'oro.

Di GIORGIO PESENTI ,

Prima_della_partenza della Traccia Bianca (foto organizzazione)
Prima_della_partenza della Traccia Bianca (foto organizzazione)

Di Giorgio Pesenti

Domenica 3 marzo si è corso all’alpe Devero nel comune di Baceno in provincia di Verbania la classica ciaspolata “La traccia bianca” in uno scenario montano finalmente invernale con i caratteri di un tempo. La natura imbiancata al Devero è intatta, si ammira a piccoli sguardi, è da sentire e toccare con mano, qui gli orizzonti sono lontani da raggiungere ma contestualmente l’ospitalità è cordiale e sincera.

Per queste delicate caratteristiche la traccia bianca, come tutti gli anni, ha richiamato un esercito di atleti per questa corsa con le racchette da neve. Nella classifica rosa dopo 8 km di corsa la prima ad alzare le braccia al cielo è stata, la leggenda dello skyrunning in gonnella Emanuela Brizio, più volte campionessa mondiale di skyrunning con la maglia della Valetudo, che ha terminato la sua fatica con il tempo di 44’19”, seguita dalla 2^ Fracassi Francesca team Road Runners 51’35”, 3^ Urh Michela Atl. Amatori 53’22”, con 457 atlete classificate.

Nella gara maschile vittoria per la leggenda della corsa in montagna, il trentino Antonio Molinari del team Amorini TSL, 2° Daniele Fornoni Team Baldas e 3° Alberto Gramegna della Caddese. Da segnalare i risultati della aquile della Valetudo skyrunning Italia, 8° Brizio Mauro 41’03” e 21° Tarantola Salvatore 49’04”.

In allegato la classifica completa.

  • Sono nato a Brembilla, nel bergamasco, e ora vivo a Almenno San Salvatore. Dal 2004 sono presidente della Valetudo skyrunning e collaboro con il network OutdoorPassion dal 2011.



Può interessarti