Tour du Rutor Extreme tappa 1: nel sole della Valgrisenche (AO) brillano Matteo Eydallin-Denis Trento e Gloriana Pellissier-Mireia Miro Varela

Di GIANCARLO COSTA ,

Le leader della gara femminile Mireia Mirò Varela e Gloriana Pellissier
Le leader della gara femminile Mireia Mirò Varela e Gloriana Pellissier

Il Tour du Rutor quest’anno si disputa in due tappe, quella odierna di sabato 9 aprile offre come menu 2400 metri di dislivello spalmati in tre salite con il passaggio più alto sulla madonnina della Testa del Rutor a 3486 metri di quota. Partenza alle 6 mattino, viste le alte temperature, dalla diga di Bouregard in prossimità di Bonne, un primo tratto a piedi di circa 250 metri di dislivello, poi sci ai piedi, salite e discese, inversioni sul ripido alternati ai tratti di cresta con ramponi, come vuole un tracciato tecnico e impegnativo come sempre organizzato alla perfezione dal comitato Tour du Rutor, dallo Sci Club Corrado Gex, dai tanti volontari e dalla figura carismatica di Marco Camandona, come sempre punto di riferimento di questa affascinante gara.

La tappa odierna è andata alla coppia del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur, formata da Matteo Eydallin e Denis Trento, già vincitori dell’ultima edizione del 2009, che assegnava la Coppa del Mondo. Hanno messo un’ipoteca sulla conferma nell’albo d’oro e hanno ribadito che per il prossimo Trofeo Mezzalama  chiunque voglia vincere dovrà fare i conti con loro. 2h42’45” il loro tempo all’arrivo di Planaval, con circa 3 minuti di vantaggio su Filippo Beccari-Kuhar Nejc, secondi in 2h45’58” e Robert Antonioli-Michele  Boscacci terzi in 2h46’00”, un podio virtuale, il loro, che li conferma come la coppia emergente dello scialpinismo, visto che sono entrambi Espoir. Quarto posto per i francesi Gachet-Sevennec in 2h47’17”, quinti Moriondo-Pozzi in 2h52’47”, sesti la coppia italo-francese Cazzanelli-Jacquemoud in 2h54’57”, settimi i fratelli Fulvio e Alberto Fazio in 2h57’07”, ottavi Alain Seletto-Tony Sbalbi in 2h58’34”, noni i franco-svizzeri Bathelemy-Jean in 3h04’48” e decimi gli svizzeri Marti-Marti in 3h05’43”.

Nella gara femminile lo coppia italo spagnola formata da Gloriana Pellissier-Mireia Mirò Varela detta legge fin dai primi metri di gara e chiude al comando della prima giornata di gara in 3h08’18”, con oltre mezzora di vantaggio sulle svizzere Marie Troillet e Gabrielle Magnenat, seconde in 3h41’52”, terze Alessandra Gianatti-Katia Tomatis in 3h54’04”, quarte Raffaella Gianotti-Micol Murachelli in 4h20’14” e quinte Ilaria Iemmi e Zinaida Lupu in 4h27’59”.

Nelle categorie giovanili, vittorie di giornata per Nadir Maguet-Stefano Stradelli al maschile, mentre tra le ragazze la coppia francese Borgnet-Mollaret conduce su Alessandra Cazzanelli e la svizzera Jennifer Fietcher.

In allegato le classifiche complete e la fotogallery

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti