I titoli italiani nella Ski Sprint Primiero Energia a Federico Pellegrino/Dietmar Noeckler e Sara Pellegrini/Ilaria Debertolis

Di GIANCARLO COSTA ,

Federico Pellegrino impegnato a Passo Cereda (foto Newspower)
Federico Pellegrino impegnato a Passo Cereda (foto Newspower)

A Passo Cereda si è recuperata la Ski Sprint Primiero Energia annullata il 26 dicembre a causa della pioggia e valida per il titolo italiano nella team sprint. I poliziotti dello sci di fondo hanno “fotocopiato” il risultato della scorsa edizione, e se qualcuno pensava che Federico Pellegrino con Dietmar Nöckler (nel 2011 e 2012) e Ilaria Debertolis con Sara Pellegrini avessero vinto perché la gara cittadina era piuttosto pianeggiante, oggi si è dovuto ricredere. Le piste dell’US Primiero a Passo Cereda sono dure e difficili e le coppie che hanno centrato il successo oggi meritano appieno il titolo tricolore, avviandosi così più facilmente verso… Sochi.

I maschi sono stati i primi a scendere in pista con le due qualificazioni che avrebbero determinato gli otto finalisti, due batterie nelle quali i Carabinieri hanno, alla fine, dettato legge. Nella prima Fabrizio Clementi ed Hofer hanno “multato” la squadra FFOO-B con Jeanmatie Kostner e Sergio Rigoni e l’attesa coppia Nöckler-Pellegrino. Al primo cambio, comunque, si è presentato per primo Orlandi delle FFOO-C che ha passato il testimone a Brigadoi  con in scia  Jeanmatie Kostner e Fabrizio Clementi, poi leggermente staccati  Nöckler, Rastelli e gli altri. Una fase di studio evidentemente, perché al secondo dei 5 cambi ha preso l’iniziativa Hofer seguito da Brigadoi e Rigoni.

Alla fine del terzo giro Rastelli, in coppia con Nizzi, si è preso la sua soddisfazione cambiando per primo, ma poi i Carabinieri con Clementi ed Hofer hanno gestito la gara, evidentemente però dietro Polizia ed Esercito hanno badato solo a centrare la qualifica. La seconda delle due qualifiche ha visto un primo affondo di Zorzi, poi l’altro finanziere Salvadori ha avuto il suo momento di popolarità, quindi è toccato a Scola ma la stoccata vincente è stata dei Carabinieri, che prima con Florian Kostner e poi con Alan Martinelli hanno messo il sigillo vincente. Hanno passato il turno agevolmente poi le FFGG con Scola e Frasnelli, quindi con Zorzi e Gullo e infine la Forestale con Muller e Bertolina.

La finale della Ski Sprint Primiero Energia maschile è stata vivacissima, ad ogni cambio in vetta si è presentata una coppia diversa. La Forestale sembrava dettar legge e Muller è stato il più efficace al termine della prima tornata, controllato dai due Carabinieri Kostner e Clementi. Scola era in scia e, tra lo stupore generale, Nöckler solo quinto. Zorzi era in coda, ma al passaggio successivo Gullo ha ribaltato la situazione, con Frasnelli a premere. Nuovo giro e altro cambio di leadership questa volta con Scola, al successivo ancora Carabinieri incisivi con Clementi, poi al quinto passaggio era Rastelli a dare lezioni di sprint, ma Nöckler era in rimonta ed ha lanciato Pellegrino dal terzo posto, così il valdostano ingranava la marcia giusta ed allungava sensibilmente davanti ad Hofer (in coppia con Clementi) che non ha nemmeno tentato la bagarre. Nizzi completava il podio con i complimenti del “commilitone” Rastelli. Fuori dal podio i finanzieri con squadra B e A, vale a dire Zorzi-Gullo e Scola Frasnelli.

La gara femminile, disputata in un’unica finale, si è aperta e… chiusa al primo giro. Tutte le attenzioni erano puntate sulle campionesse uscenti, Debertolis-Pellegrini e sulle “sfidanti” Roncari-Vuerich. E proprio la Roncari ha deciso tutto, in negativo. In una discesa veloce ha  toccato un blocco di ghiaccio, si è catapultata a terra ed ha rotto uno sci. Uno ski-man glielo ha passato, ma al cambio è arrivata ultima, molto staccata e ovviamente la Vuerich è partita già rassegnata. Così la gara è vissuta con le “fiorettate” tra le poliziotte e le due valdostane delle FFGG, Francesca Baudin e Greta Laurent. Al primo passaggio cambio veloce della Pellegrini alla Debertolis, che giocava in casa, anche se con le gambe appesantite dalla final climb del Tour de Ski di ieri sul Cermis. Dal secondo al quarto giro le due valdostane hanno cercato di gestire la gara, ma le poliziotte, dietro, evidentemente giocavano a gatto e topo. Gli ultimi due giri, prima la Pellegrini e poi la Debertolis, hanno guadagnato una manciata di secondi vincendo  davanti alle due valdostane, visibilmente soddisfatte anche se, da come si era messa la gara, sognavano un metallo più prezioso dell’argento. Contente, e a ragione, le altre due poliziotte Erica Antoniol e Giulia Sturz, sempre a tutta per rimanere agganciate alle due coppie di testa e alla fine giunte terze. Le due carabiniere Roncari-Vuerich hanno invece rimediato un quarto posto, che ovviamente va loro stretto.

Medaglie al collo e fugaci saluti, tra qualche ora ci saranno le partenze per la Coppa del Mondo (Nove Mesto) e per la Coppa Europa (Chamonix), poi il 17,18 e 19 lo sci di fondo ritornerà a Passo Cereda, ovviamente con l’US Primiero, per gli Assoluti con le gare sprint, le 10 e 15 km e lo skiathlon, e lì si staccheranno gli ultimi biglietti per le Olimpiadi di Sochi.

Ordine d'arrivo team sprint maschile CIA Passo Cereda (Ita):

1 GS FIAMME ORO A 24:12,794 (NOECKLER Dietmar, PELLEGRINO Federico);

2 CS CARABINIERI A 24:15,552 (CLEMENTI Fabrizio, HOFER David);

3 CS ESERCITO A 24:19,369 (RASTELLI Maicol, NIZZI Enrico);

4 GS FIAMME GIALLE B 24:21,542 (ZORZI Cristian, GULLO Giovanni);

5 GS FIAMME GIALLE A 24:24,723 (SCOLA Fulvio, FRASNELLI Loris);

6  CS FORESTALE A 24:28,277 (MULLER Claudio, BERTOLINA Mirco);

7 CS CARABINIERI B 24:29,613 (KOSTNER Florian, MARTINELLI Alan);

8 GS FIAMME ORO B 24:55,161 (KOSTNER Janmatie, RIGONI Sergio)

Ordine d'arrivo team sprint femminile CIA Passo Cereda (Ita):

1 GS FIAMME ORO A 21:37,116 (PELLEGRINI Sara, DEBERTOLIS Ilaria);

2 GS FIAMME GIALLE A 21:39,474 (BAUDIN Francesca, LAURENT Greta);

3 GS FIAMME ORO B 22:29,187 (ANTONIOL Erica, STURZ Giulia);

4 CS CARABINIERI A 23:12,608 (RONCARI Debora, VUERICH Gaia);

5 POL SOVRAMONTE A 24:44,576 (PRIGOL Eleonora, PADOVAN Martina);

6 SOVRAMONTE-ESERCITO 25:15,576 (BEE Gloria, BETTEGA Lorenza)

Fonte fisi.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti