Il terremoto scuote anche il Manaslu

Di GIANCARLO COSTA ,

manaslu C2 b
manaslu C2 b

La notte al campo 3 non è stata una passeggiata. Nella tendina monotelo Monster Lite di Ferrino Marco e Cala sono stati al “caldo” (tra i cinque ed i sette gradi sotto zero) e e la sono vista brutta.

Alle diciotto circa di ieri, infatti, una scossa di terremoto di magnitudo 6,8 ha colpito la valle del Kumbu con epicentro nel villaggio di Namche Bazaar ed una propagazione su larghissima scala. Sedici i morti accertati a ieri notte, con tre vittime anche nell'ambasciata britannica di Kathamandu a causa del crollo del palazzo. India settentrionale e Nepal ne hanno fatto le spese maggiori ed anche a quota 6.717 del campo 3 si è sentita una bella botta. «La tenda ha iniziato a ballare – scrive Marco – ed abbiamo sentito un boato incredibile. Un crepaccio si è staccato e con lui anche una bella valanga che è passata a circa 800 metri dalla nostra postazione. Fortunatamente la slavina creatasi non ha colpito la linea di salita, nè quella su cui stanno i campi alti e possiamo quindi ritenerci fortunati. Non è stata una bella esperienza. Sapevo che non sarebbe stata una passeggiata – continua Marco – ma pensavo anche che non ci fossero poi moltissime differenze rispetto al Cho Oyu. Invece non è così, questo gigante himalayano è proprio “bastardo dentro”, si lascia avvicinare e poi ti si ritorce contro. Eravamo riusciti a fare un buon acclimatamento negli scorsi tre giorni ed anche la fiducia nel nostro fisico era aumentata. Ora ci ritroviamo con una botta di adrenalina nel cuore che non sarà facile da smaltire».

Per Marco e Cala rientro al Campo Base per riposare e prepararsi all’assalto finale alla vetta del Manaslu.

Per altre notizie www.marcogalliano.it e http://cmenblogexperience.blogspot.com/

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti