Svezia e Svizzera a braccetto sul gradino più alto della 38a Marcialonga

Di GIANCARLO COSTA ,

La partenza della Marcialonga
La partenza della Marcialonga

Record di iscritti, tempi record al maschile (2h49´10") e al femminile (3h15´07"). I due svedesi scappano via dopo Moena e corrono tutta la gara da soli. "Veni, vidi, vici" per l´elvetica Boner che si è messa dietro la favorita Sandra Hansson. Rezac e la Valbusa vincono la One Way Finish Climb. Giornata da incorniciare

Svezia e Svizzera a braccetto, ieri, sul gradino più alto della Marcialonga. Jerry Ahrlin e Seraina Boner hanno dominato la 38.a edizione della granfondo trentina, mettendosi alle spalle Oskar Svärd (SWE) e Stanislav Rezac (CZE) per quanto riguarda la gara maschile, e le due svedesi Sandra Hansson e Susanne Nyström nella femminile.

Sole e cielo azzurro hanno accolto ieri gli oltre 6500 partecipanti (erano 7200 iscritti) della Marcialonga 2011, che alle 8.15 in punto sono scattati dalla piana di Moena in Val di Fassa. Jerry Ahrlin è una vecchia conoscenza della granfondo trentina e negli ultimi cinque anni è sempre salito sul podio, vincendo nel 2007 e nel 2009, chiudendo 2° lo scorso anno e 3° nel 2006 e 2008. Oggi il ragazzone di Valadalen è partito con la ferma convinzione di fare tris...di "ori" ovviamente, e le sue intenzioni sono state chiare fin dai primi chilometri, quando verso Soraga ha inserito il turbo. A quel punto il solo a tenere il passo del trentatreenne svedese è stato il suo connazionale, vincitore nel 2010, Oskar Svaerd.

Al 18° chilometro di Canazei, primo giro di boa della gara, il duo svedese staccava di oltre mezzo minuto un nutrito gruppo di inseguitori capitanato dal ceco Rezac, con al seguito i fratelli Jörgen e Anders Aukland, lo svizzero Toni Livers, e tra gli altri anche gli italiani Carrara, Cattaneo, Santus e Debertolis. Da Canazei il distacco delle due "lepri nordiche" è incrementato chilometro dopo chilometro e sul traguardo volante di Predazzo facevano segnare 2´23" su Anders Aukland, primo degli inseguitori, comunque ancora raccolti in gruppo.

Mentre i due scandinavi scappavano sui binari della Val di Fiemme, la svizzera Boner "girava" a Canazei con il miglior tempo e soprattutto con già 1´05" di vantaggio sulle svedesi Sandra e Jenny Hansson. La "lepre" di Davos, oggi alla sua prima Marcialonga, era un fulmine poi sul tratto successivo di ritorno verso Predazzo, dove faceva registrare quasi due minuti di margine sulle svedesi, mentre l´azzurra Sabina Valbusa transitava in sesta posizione.

Ahrlin e Svärd si sono alternati in continuazione in testa alla gara, dimezzando così le fatiche tra loro, e mantenendo sempre alto il distacco dagli altri ai successivi passaggi di Lago di Tesero e Molina di Fiemme. A quel punto la stanchezza ha cominciato a farsi sentire nelle gambe di Svärd, il quale tuttavia è riuscito a tenere il passo del connazionale fino all´inizio della salita di Cascata. La spinta di Ahrlin qui era di sole braccia al ritmo indiavolato di oltre 60 "battute" al minuto, e alla prima curva della salita il suo antagonista ha cominciato a mollare la presa. Colpo su colpo Ahrlin incrementava il suo vantaggio e all´ingresso di Cavalese era da solo al comando con una cinquantina di metri di vantaggio su Svärd. La terza Marcialonga era ormai sua, e sul traguardo di Viale Mendini si è presentato con il tempo di 2h49´10", il record assoluto sulla 70 km in classico.

"Oggi mi sono sentito in forma fin da subito", ha affermato lo svedese all´arrivo, "così dopo 5 km ho deciso di andarmene via anche se sapevo che c´erano ancora oltre 65 km da fare, e quando sei da solo davanti non è proprio scontato che tu possa alla fine farcela. Oskar (Svaerd, ndr) è partito con me e ci siamo aiutati lungo tutto il percorso. Amo la Marcialonga e sono contentissimo di aver vinto di nuovo."

Il terzo posto, come detto, è andato al ceco Rezac, che ha percorso l´ascesa di Cascata con il miglior tempo di giornata e si è così messo in tasca il nuovo premio One Way Finish Climb. Il migliore italiano al traguardo è stato il carabiniere bergamasco Bruno Carrara, 13°, con Cattaneo 24° e Debertolis 27°, davanti a Fabio Santus che rimane il leader della FIS Marathon Cup.

Mentre la Svezia celebrava l´ennesimo successo nella Marcialonga maschile, Seraina Boner continuava la sua marcia trionfale verso il primo successo svizzero in assoluto nella granfondo trentina. Alla Cascata il suo distacco da Sandra Hansson era ancora di 1´19", ormai era fatta. Boner prima e Hansson seconda. La battaglia per il bronzo, invece, si è animata proprio prima della salita. Susanne Nystroem aveva tenuto le ultime cartucce da sparare proprio per la Cascata dove ha inferto colpi irresistibili a Jenny Hansson, la quale non ha potuto fare altro che cedere il passo - e quindi il terzo posto - alla connazionale. Quinta nella femminile ha chiuso la veronese Sabina Valbusa, la quale si è aggiudicata la One Way Finish Climb tra le donne.

La Marcialonga oggi si correva anche nella versione light di 45 km, vinta da Antonella Confortola e Andrea Zattoni.

Stamattina, inoltre, si è corsa la prima Marcialonga Young per le categorie giovanili, a cui hanno preso parte 142 atleti che hanno gareggiato su distanze di 9 e 14 km, da Lago di Tesero a Cavalese. I vincitori sono stati Giacomo Gabrielli e Sofia Zorzi (Allievi), Tomaso Fedel e Giulia Sturz (Aspiranti), Riccardo Mich e Jessica Brandstetter (Junior).

La 38.a Marcialonga di Fiemme e Fassa si è chiusa con un nuovo successo, oltre che per i vincitori, anche per un team organizzatore che si è confermato più che "degno" di essere alla guida della Regina italiana delle granfondo.

Classifiche Marcialonga

Maschile

1) Ahrlin Jerry (Svezia) 2:49.10,1; 2) Svaerd Oskar (Svezia) 2:49.38,0; 3) Rezac Stanislav (Repubblica Ceca) 2:50.38,0; 4) Livers Toni (Svizzera) 2:50.48,9; 5) Aukland Jorgen (Norvegia) 2:51.01,2; 6) Brink Joergen (Svezia) 2:51.06,2; 7) Sinnes Svein Tore (Norvegia) 2:51.27,9; 8) Aukland Anders (Norvegia) 2:51.39,4; 9) Andreasson Rikard (Svezia) 2:51.49,8 ; 10) Dammen Kjetil Hagtvedt (Norvegia) 2:52.13,8

Italiani: 13) Carrara Bruno (C.S Carabinieri) 2:52.38,3; 24) Cattaneo Marco (G.S Fiamme Oro) 2:56.00,9; 27) Debertolis Bruno (G.S. Hartmann) 2:57.48,2; 28) Santus Fabio (C.S. Carabinieri) 2:58.31,5; 31) Paredi Simone (C.S. Esercito) 3:00.49,3

Femminile

1) Boner Seraina (Svizzera) 3:15.07,1; 2) Hansson Sandra (Svezia) 3:16.26,3; 3) Nystroem Susanne (Svezia) 3:16.58,8; 4) Hansson Jenny (Svezia) 3:22.20,5; 5) Valbusa Sabina (C.S. Forestale Dello Stato) 3:26.53,8; 6) Lintzen Nina (Svezia) 3:31.24,1; 7) Svendsen Sara (Norvegia) 3:31.28,2; 8) Ruud Astrid (Norvegia) 3:23.09,7; 9) Grepperud Ellen (Norvegia) 3:26.41,7; 10) Skari Hege (Norvegia) 3:26.57,6

Classifiche Marcialonga Light

Maschile

1) Zattoni Andrea (G.S. Fiamme Gialle) 1:52.30,6; 2) Seifert Benjamin (Germania) 1:56.38,8; 3) Vaksdal Fridtjof (Norvegia) 2:04.05,4; 4) Bjerkrheim Kjetil Andre (Norvegia) 2:05.54,1; 5) Betta Matteo (U.S. Cermis) 2:13.42,1; 6) Muller Marco (S.C. Weissenfels) 2:14.00,5; 7) Cordoni Stefano (G.S. I Camosci) 2:15.14,1; 8) Venturelli Christian (Sci Fondo Pavullese )2:18.00,8; 9) Defrancesco Mathias (U.S. Cermis) 2:20.00,5; 10) Eriksson Ludvig (Svezia) 2:21.39,0

Femminile

1) Confortola Antonella (C.S. Forestale Dello Stato) 2:07.55,6; 2) Colnaghi Calissoni Laura (G.S. I Camosci) 2:36.22,7; 3) Nordvik-Hiller Monica Diana (Norvegia) 2:47.59,7; 4) Muller Antonella (S.C. Weissenfels) 2:49.59,4; 5) Bolstad Hilde (Norvegia) 2:57.05,7; 6) Zanet Valentina (S.C. Orsago) 3:01.48,1; 7) Svobodova Katerina (Repubblica Ceca) 3:17.13,3; 8) Giacomelli Mirta (U.S. Dolomitica) 3:18.42,6

Classifiche Marcialonga Young

Allievi

Maschile: 1) Gabrielli Giacomo (Cavalese) 29.02,2; 2) Mich Francesco (Cavalese) 29.08,3; 3) Ventura Paolo (Tesero) 29.09,3

Femminile: 1) Zorzi Sofia (Cavalese) 32.04,5; 2) Ganz Caterina (Moena) 32.29,4; 3) Valle Sabrina (Ziano Di Fiemme) 33.23,0

Aspiranti

Maschile: 1) Fedel Tomaso (Baselga Di Pine') 43.19,2; 2) Pellegrin Sebastiano (Moena) 44.16,7; 3) Piazzi Matteo (Moena) 44.18,9

Femminile: 1) Sturz Giulia (Tesero) 31.12,8; 2) Deflorian Valeria (Ziano Di Fiemme) 31.13,5; 3) Bonelli Chiara (Tesero) 31.18,4

Junior

Maschile: 1) Mich Riccardo (Tesero) 41.34,1; 2) Salvadori Giandomenico (Mezzano) 41.59,9; 3) Brigadoi Mauro (Predazzo) 42.18,4

Femminile: 1) Brandstetter Jessica (Transacqua) 31.46,9; 2) Cavazzani Erica (Trento) 33.05,3; 3) Andreolli Alice (Brentonico) 34.50,2

Fonte Ufficio Stampa Newspower

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti