Stralunata tricolore: Vertical a Lorenzo Holzknecht, Staffetta all’Esercito

Di GIANCARLO COSTA ,

L'Esercito al cambio sotto gli occhi di Mottini.jpg
L'Esercito al cambio sotto gli occhi di Mottini.jpg

Spettacolo all'Aprica per la Vertical by night che di fatto assegnava i tricolori Fisi 2012. Ad imporsi su tutti il bormino Lorenzo Holzknecht che, cronometro alla mano, ha messo dietro l'orobico Pietro Lanfranchi e il friulano Tadei Pivk. Uno skyrunner alla corte degli skialper, l’alfiere dell’Aldo Moro di Paluzza che dimostrandosi fortissimo anche con sci e pelli è riuscito nella non facile impresa di tenere dietro il capitano azzurro Manfred Reichegger.

Nella gara in rosa Roberta Pedranzini ha invece vinto su Gloriana Pellissier e Francesca Martinelli. Gli altri campioni italiani nelle categorie giovanili sono Michele Boscacci, Luca Faifer, Alessandra Cazzanelli, Giulia Compagnoni e Davide Magnini. Per quanto riguarda infine i tricolori master, ad aggiudicarseli sono stati Angelo Bernini e Miriam Clerici.

Passando alla cronaca di gara, nella corsa assoluta un gruppo di sei atleti è rimasto al comando del plotone degli oltre 500 iscritti sino a quando un Holzknecht particolarmente “in botta” ha aperto il gas e lasciato tutti sul posto. Nella kermesse in rosa, dopo una partenza super sprint della Pellissier, Pedranzini si è portata al comando. Anche la compagna di mille fatiche Francesca Martinelli aveva messo la freccia sulla valdostana, per poi subire il rientro di quest’ultima nella fase finale.

Ma la stralunata era anche raduno cronometrato con il popolo degli amatori che si è sfidato con un occhio al cronometro. Qui i più veloci sono stati Sonia Testini e Micheal Monella.

Il CS Esercito si conferma nella prova assoluta maschile a staffetta

Il CS Esercito di Reichegger, Trento, Eydallin non fa sconti e vince senza battere ciglio l'Italiano staffetta 2012 di scialpinismo. Sulle nevi di Aprica, nella gara in rosa, sono invece le intramontabili Francesca Martinelli e Roberta Pedranzini a confermarsi l'equipe più forte del "Bel Paese". Per quanto riguarda invece l'oro giovani, i tricolori sono andati al comitato Alpi Centrali con il successo del terzetto Alta Valtellina di Bonavetti, Compagnoni, Faifer. Tra i master, come da regolamento, essendo solo due le staffette al via, l'equipe Franzini, Lanzi, Gusmeroli ha vinto la gara, ma non il tricolore.

Successo a 360°, dunque, per l'Associazione Stralunata e per la stazione sciistica di Aprica che unendo sinergicamente gli forzi delle varie associazioni presenti in paese è riuscita a proporre una due giorni di gare di altissimo livello. Dopo la vertical di ieri con oltre 500 concorrenti ai nastri di partenza, oggi il caldo sole della conca della Magnolta ha accolto il fior fiore dello skialp azzurro per una mattinata di gare tiratissime.

A dare fuoco alle polveri sono stati i ragazzi delle categorie giovanili con titolo decisosi solo nella frazione finale con la super sfida Faifer, Maguet, Nicolini. I tre sono scattati a ritmi forsennati mantenendo le posizioni iniziali. Così in classifica di campionato il comitato Alpi Centrali ha messo in fila quello valdostano e quello trentino. Più scontata la prova femminile con le due pluri iridate dello Sci Club Alta Valtellina impegnate a fare gara su gli uomini. Medaglia d'argento e di bronzo per altri due binomi delle Alpi Centrali: Moraschinelli - Compagnoni seconde e Guerrini - Piganzoli terze.

Al maschile la super sfida Esercito, Alpi Centrali è stata ravvivata dal terzetto veneto trainato da un Follador in grande spolvero. Al termine i tre alpini sono riusciti a regolare Boscacci, Lanfranchi, Antonioli e Follador, Taufer, Pierantoni.

Migliori crono di giornata per Eydallin 15'29", Roberta Pedranzini 19'56" Nadir Maguet 16'46", Alessandra Cazzanelli 21'36".

COMMENTI POST RACE:

Manfred Reichegger: «Il nostro successo non era scontato. Ogni gara fa storia a se e i nostri diretti avversari erano motivati e agguerriti. Noi siamo andati bene e siamo soddisfatti del successo ottenuto».

Pietro Lanfranchi: «Ci abbiamo provato e forse proprio io nei cambi ho dato un piccolo vantaggio al mio diretto avversario. La gara è comunque stata bellissima e ottimamente organizzata».

Francesca Martinelli: «Bella gara e bella due giorni questa di Aprica. I miei complimenti all'associazione Stralunata per come hanno predisposto le due gare. per quanto riguarda me e Roberta, questo è stato il penultimo test pre Pierra Menta. L'ultimo? Domani all'Adamello».

Ivano Murada (Presidente Associazione Stralunata): «E' stata dura, ma è andato tutto bene. Rispetto alla solita gara in notturna, questa due giorni ci ha impegnato full time per diverso tempo. Vorrei quindi cogliere l'occasione per ringraziare tutti i volontari e le associazioni di Aprica che hanno contribuito al buon esito dell'evento. Il bilancio? Vista l'unanimità dei consensi, direi decisamente positivo»

Fonte Maurizio Torri spordimontagna.com

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti