Split Day Aosta Valley 2018

Di GIANCARLO COSTA ,

I partecipanti allo Split Day Aosta Valley 2018 (20)
I partecipanti allo Split Day Aosta Valley 2018 (20)

La “Coumba Freida” non ha tradito lo Split Day Aosta Valley. Il soprannome con il quale è conosciuta questa zona della Valle del Gran San Bernardo in Valle d’Aosta, è stato all’altezza della situazione. La neve ha iniziato a cadere fin dalla cena del sabato, imbiancando il Camping Pineta di Saint-Oyen e la vallata del Flassin, che è stato il campo base dell’evento ideato e realizzato per il quinto anno da Ettore Personnettaz, più di un istruttore nazionale di snowboard, anima e cuore di questa manifestazione e figlio di questa valle, dove più facile farsi le battute in “patois” che esprimersi nella terminologia anglofona dello snowboard.

Snowboard e montagne sono la passione non solo di Ettore, ma di tutti i 50 snowboarder che hanno partecipato a quest’evento, un raduno di snowboard-alpinismo fatto utilizzando la splitboard, la tavola divisibile in 2 parti che con le pelli di foca permette di risalire i pendii delle montagne e di ridiscenderle una volta che sono state riunite nella forma originale di snowboard.

Il weekend dello Split Day Aosta Valley ha avuto una giornata di incontro e discussione sulle varie tematiche che riguardano lo splitboard il sabato e una giornata di pratica sulla neve la domenica. Ettore con con gli amici Patrick Raspo, guida alpina, Davide Capozzi e Alfredo Canavari, maestri di snowboard, ha parlato di splitboard, di montagne, di sicurezza e ha presentato il video Grivola, sulla discesa da questa grande e impegnativa montagna che vede da casa. Inoltre i titolari di Comera Snowboard, un marchio artigianale di snowboard 100% italiano, hanno presentato le loro tavole e il loro approccio alla tecnica di costruzione.

“Anche oggi è stato fondamentale il lavoro di squadra – dice Ettore Personnettaz proposito dello Split Day Valle d’Aosta – Eravamo in 8, compreso la guida alpina Patrick Raspo, ad accompagnare gli oltre 50 splitboarder che abbiamo suddiviso in 3 gruppi, principianti, medi e avanzati e che hanno percorso una gita rispettivamente con 700, 1000 e 1300 metri di dislivello. La neve caduta sabato notte e una giornata non soleggiata ma con discreta visibilità, ha consentito di apprezzare le nostre montagne e di fare delle belle discese. Un grazie a chi ha partecipato, facendo viaggi anche molto lunghi (uno è arrivato anche da Dusseldorf n.d.r.), a chi mi ha aiutato nella gestione dei gruppi, agli sponsor e ai titolari del Camping Pineta di Saint-Oyen che ci ha ospitato in questi 2 giorni. Nei prossimi mesi farò altri camp di splitboard i questa valle e nella vicina Valpelline, per far conoscere a tutti la bellezza delle nostre montagne.

Nelle foto allegate il racconto per immagini dello Split Day Aosta Valley.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti