Ski-Alp sotto le stelle e il sole a Locana (TO): vittorie di Seletto e Basolo con Nex prima donna

Di GIANCARLO COSTA ,

Le fasi della partenza di Locana
Le fasi della partenza di Locana

La gara di Locana, corsa il pomeriggio di sabato 30 gennaio, dal Carrello a Punta Cia con discesa nel plateau e arrivo al Carrello per circa 800 metri di dislivello, intitolata a Roberto Perucca e Fernando Vallesa, ha visto protagonisti il dominatore delle notturne Alain Seletto e l'atleta di casa Andrea Basolo, che sono arrivati insieme sul traguardo anche se poi sono stati separati da un secondo dai giudici 42'52" e 53". Terza piazza per Matteo Stacchetti in 43'50", con Mattia Luboz quarto in 44'24", Massimo Martini quinto in 45'36", Massimo Gaggino sesto in 47'07", Christian Joux settimo in 48'09, Alex Peraudo ottavo in 48'17", Enrico Titolo  nono in 48'26" e Marco Herin decimo in 48'34".

Gara femminile a Christiane Nex in 52'23", su Alessandra Gianatti 52'51", terza Raffaella Miravalle in 55'06". Tra i master 45 vittoria per Mauro Stevenin in 51'11".

In allegato le foto e la classifica completa.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti