La Sgambeda Classic alla svizzera Seraina Boner e al norvegese Anders Aukland, Simone Paredi 15º il miglior italiano

Di GIANCARLO COSTA ,

La_Sgambeda_di_Livigno_foto_organizzazione.jpg
La_Sgambeda_di_Livigno_foto_organizzazione.jpg

Entusiasmo e novità per la 25esima edizione de La Sgambeda, che si è conclusa domenica con la gara Classic a cui hanno partecipato 1100 fondisti, tra atleti professionisti e amatori, provenienti da 26 nazioni.

Partenza differenziata tra uomini e donne in condizioni di neve più umida rispetto ai giorni precedenti, di temperatura intorno ai -2° e di cielo velato. Il percorso dei 35 km in tecnica classica ha ricalcato quello della gara Marathon fino alla zona della Forcola, dove poi ha proseguito con la novità della salita all'Alpe Vago e al Grasso degli Agnelli (2100 mt), che ha rappresentato il Gran Premio della Montagna.

La vittoria è andata a due fuoriclasse dello sci di fondo: la svizzera del Team Coop, Seraina Boner e il norvegese del Team Santander, Anders Aukland. Per la Boner arrivo in solitaria, distaccando di 24 secondi Katerina Smutna e Julia Ivanova.

Anders Aukland, che ha corso con il pettorale n.1, ha mantenuto la testa della gara mentre, dietro di lui, il gruppo ha corso il rush finale per aggiudicarsi il secondo e terzo posto con Johan Kjoelstad e Oeystein Pettersen.

Fra gli italiani, buono il piazzamento di Simone Paredi 15° e di Sergio Bonaldi 16° dello Scame Ski Trab Marathon Team Livigno, che insieme ai giovani gemelli Thomas e Nicolas Bormolini, rispettivamente 60° e  70°, difenderanno i colori del Piccolo Tibet nel circuito delle lunghe distanze. La Sgambeda Classic è stata trasmessa in diretta da circa 60 tv emittenti in tutto il mondo.

Fonte fisi.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti