Il Sellaronda Skimarathon diventa maggiorenne: attesa per l'edizione 2013 che andrà in scena venerdì 8 marzo da Arabba.

Di GIANCARLO COSTA ,

Boscacci e Holzknecht all'arrivo nel 2012
Boscacci e Holzknecht all'arrivo nel 2012

Qualche giorno fa', nella prestigiosa sede di Salewa Italia a Bolzano, è stata presentata la diciottesima edizione del Sellaronda Skimarathon, che si disputa domani sera venerdì 8 marzo. A fare gli onori di casa è stato lo stesso Heiner Oberrauch, presidente del Gruppo Oberalp, «Devo ringraziare gli organizzatori di queste manifestazioni perchè anni fa sono stati dei visionari». Così ha esordito il padrone di casa. «Lo scialpinismo è una disciplina invernale che continua a crescere, e mediamente lo fa del 15% - ha continuato Oberrauch - quest'anno si vendono più sci da scialpinismo che sci da fondo. Un altro dato interessante è che cinque anni fa sono stati venduti 8,4 milioni di sci da discesa, mentre lo scorso anno, sarà stata anche colpa della poca neve, ma ne sono stati venduti 4,8 milioni. Qualche tempo fa lo scialpinismo era una visione, adesso è un mega-trend».

Alla presentazione sono intervenuti anche Schorsch Nickaes in rappresentanza di Dynafit e Federico Bruccoleri come portavoce del Consorzio Turistico di Arabba.

Il coordinatore del Sellaronda, la guida alpina Oswald Santin, nel suo intervento ha evidenziato tre punti fondamentali di questa nuova avventura che partirà venerdì prossimo da Arabba.

«Siamo rimasti stupiti della velocità con la quale si sono chiuse le iscrizioni - ha detto - Santin - non ci aspettavamo un'adesione così importante e questo vuol dire che siamo una grande gara. Da Arabba partiranno mille sellarondisti, in rappresentanza di 14 nazioni. Inoltre le iscrizioni femminili, sono per noi una grandissima soddisfazione. In questi anni le quote rosa non andavano oltre il 2-3% ora siamo a quasi cento donne iscritte, 25 coppie femminili e oltre 40 nelle coppie miste».

Per quanto riguarda l'aspetto tecnologico, il coordinatore del Comitato Organizzatore ha spiegato come si svolgerà lo streaming. Le telecamere seguiranno le fasi che precedono la partenza, la partenza stessa e i primi quindici minuti di competizione, mentre a Selva di Val Gardena sarà posizionata una telecamera fissa per dare la possibilità a tutti gli atleti di rivedersi il proprio passaggio. Ad Arabba ci saranno degli operatori che copriranno gli arrivi dei vincitori, mentre nei cambi d'assetto nei paesi ci saranno degli schermi per seguire dal vivo l'andamento della gara.

«Un ultimo punto sul quale voglio soffermarmi - ha concluso Santin - è sul regolamento. Vogliamo lanciare una provocazione nei confronti dei regolamenti federali per inserire dei capi d'abbigliamento più "caldi". Non è possibile stare in giro per le montagne con il rischio che le temperature si abbassino drasticamente avendo nello zaino un terzo strato d'abbigliamento leggero come un k-way. Prendendo spunto dal Trofeo Mezzalama abbiamo inserito nel nostro regolamento una giacca più pesante da portare in gara. Inoltre, se servirà obbligheremo le squadre a indossarla».

La conferenza si è conclusa con le battute delle due madrine d'eccezione Francesca Martinelli, detentrice del record, e Tamara Lunger, la ragazzina degli Ottomila.

Per guardare al futuro non bisogna dimenticare la storia che ha fatto divenire grande il Sellaronda Skimarathon. I due senatori Valerio Lorenz e Olivo Michelluzzi hanno raccontato gli aneddoti e le esperienze più belle da Sellarondisti.

La storia si ripeterà venerdì prossimo 8 marzo dalle ore 18.

Fonte Areaphoto.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti