Scialpinistica del Terminillo | Snow Passion

Scialpinistica del Terminillo

Di GIANCARLO COSTA ,

Apertura Scialpinistica del Terminillo (foto Galeota)
Apertura Scialpinistica del Terminillo (foto Galeota)

Il Terminillo, inteso come monte e come stazione sciistica, ha ospitato la due giorni “Scialpinistica del Terminillo” penultima tappa del circuito “Skialpdeiparchi – La Sportiva – Ski Trab”, ed è stata la scusa per questo viaggio sulle montagne dell’Appennino laziale. Siamo a pochi chilometri da Rieti, e la capitale Roma non è molto più distante, eppure dalla vetta del Terminillo, a quota 2217m, si respira aria vera di montagna, il panorama è stupendo a 360° sia al tramonto della notturna del sabato sera, che dell’individuale di domenica 8 aprile. Terminillo è una stazione sciistica che ha avuto un grande boom negli anni ‘70, in corrispondenza della diffusione dello sci alpino, ma questo evento serve per radunare tutti gli appassionati dello scialpinismo del centro Italia, siano essi laziali o abruzzesi o molisani.

Anima e cuore della manifestazione Titto Salvatori: “Con queste due gare, la Terminillo by Night trofeo Mico memorial Gabriele Formichetti e la Scialpinista del Terminillo trofeo Millet trofeo Alberto Bianchetti, vogliamo da qualche anno ricorda due amici che non ci sono più e con i quali ho condiviso tante avventure in montagna. Organizzare è sempre più difficile, ma con il supporto degli sponsor, della stazione, del rifugio Sebastiani e delle famiglie di questi amici, teniamo duro e continuiamo sperando che nelle prossime edizioni arrivino anche anche gli scialpinisti delle Alpi a conoscere la nostra bella montagna.”

Ed effettivamente il programma agonistico e simile al format di Coppa del Mondo, con la notturna Vertical-Sprint il sabato sera al tramonto e l’individuale della domenica.

La Terminillo by Night trofeo Mico memorial Gabriele Formichetti è stata una gara breve ma intensa, 250 metri di dislivello dalla base degli impianti all’arrivo della seggiovia, una gara da fare “a tutta”, dove l’acido lattico l’ha fatta da padrone nelle gambe degli scialpinisti in gara.
Nella gara maschile vince Armando Coccia in 8’32”, 2° Angelo Martorelli in 8’45”, 3° Raffaele Adiutori in 9’00”, 4° Cesare Pisoni e 5° Igor Antonelli.
Al femminile s’impone la padrona di casa Raffaella Tempesta in 10’04”, 2a Giovanna Galeota in 13’10”, 3a Francesca Ciaccia in 15’54”, 4a Gitte Luise Juhi e 5a Giovanna Manca.

Il giorno dopo, in una splendida giornata di sole con temperature primaverili, ritrovo al rifugio Angelo Sebastiani (quota 1820m) campo base della manifestazione individuale, luogo di partenza e arrivo della Scialpinista del Terminillo trofeo Millet trofeo Alberto Bianchetti, gara che si è disputata con due giri, 1200 metri di dislivello, 7 km, due passaggi sulla vetta del Terminillo (quota 2217m) con la seconda parte del canale da affrontare a piedi e delle belle discese in cui lasciar corre sci e snowboard.

Parte a tutta e poi gestisce il vantaggio il dominatore del circuito “Skialpdeiparchi”, l’abruzzese Carlo Colaianni, classe 1997 una realtà dello scialpinismo italiano, che vince in 1h14’15”, seguito sul podio da Raffaele Adiutori 2° in 1h15’50” e da Armando Coccia 3° in 1h17’47”, con Marco Daniele 4° in 1h24’30” e Daniele Urbani 5° in 1h29’46”.

Nella gara femminile, disputata su di un solo giro, vittoria di Roberta Galluzzi in 1h08’13” su Raffaella Tempesta che sbaglia il percorso di discesa quando era nettamente in testa e chiude poi 2a in 1h14’43”, con Francesca Ciaccia che completa il podio in 1h27’08”.

Nella gara di snowboard-alpinismo, vittoria di Cesare Pisoni in 1h26’25” (anche 5° assoluto), 2° Giancarlo Costa in 1h40’01” e 3° Igor Antonelli in 1h51’19”.

Inoltre sì è disputato in forma non agonistica il raduno scialpinistico che ha effettuto il percorso della gara.

Di Igor Antonelli, organizzatore del circuito “Skialpdeiparchi -La Sportiva – Ski Trab” il commento finale: “Siamo contenti di questa due giorni al Terminillo. Il tempo è stato dalla nostra parte, la neve è abbondante a ci ha consentito di fare questo percorso che è ormai una classica del centro Italia. Un grazie agli organizzatori del Terminillo e a chi ha fatto un lungo viaggio per venirci a trovare. Appuntamento a tutti domenica prossima con l’ultima gara del circuito con la Gran Sasso Twin Cup di Campo Imperatore.”

In allegato le foto dell’evento.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti