Scialpinismo - Tour du Grand Paradis - Valsavarenche (AO) 13.4.2008

Di GIANCARLO COSTA ,

DSCN5040
DSCN5040

Una splendida giornata, con panorami da cartolina, fa da cornice alla terza edizione del Tour du Grand Paradis Trofeo Renato Chabod, gara di scialpinismo a coppie sulle pendici del Gran Paradiso, l'unico 4000 interamente in territorio italiano. (tutte le foto della gara)

La gara è intitolata a Renato Chabod, grande alpinista e scrittore valdostano degli anni '30, che s'accompagnava in cordata con personaggi come Gervasutti, Boccalatte e Ghiglione, e realizzò alcune prime ascensioni come il Maudit, il Gran Paradiso, il Couloir du Diable al Tacul, la Tour des Jorasse. Il percorso prevedeva

continua..la partenza a quota 1834 all'Alp Terr, il passaggio al Rifugio Chabod, la cresta fino alla schiena d'asino (quota 3400 m), poi al bivacco al Moncorvè, poi la discesa fino a Rifugio Vittorio Emanuele (quota 2732 m) risalita al colletto Ciarforon e alla base del Monciar (quota 2935 m), lungo traverso per arrivare al vallone del Grand Etret e discesa finale fino a Pont Valsavarenche (quota 1960 m), per un totale di 2200 metri di dislivello.

Questa è sicuramente la grande stagione della coppia Alain Seletto e Denis Trento, in quanto s'aggiudicano anche questa gara, dopo una serie di vittorie, compresa la gara di freeride di Courmayeur di 2 settimane prima. Passati secondi, con circa 55" di distacco sulla prima lunghissima salita, preceduti dall'inedita coppia Graziano Boscacci e Lorenzo Holznecht, hanno sfoderato le loro qualita in discesa per recuperare terreno, e dopo il cambio al Vittorio Emanuele si sono portati in testa, tenendola fino al traguardo. Quindi primi Trento-Seletto (2:26'58") su Boscacci-Holznecht (2:27'40"), terzi i fratelli Fulvio e Alberto Fazio (2:31'34"), anche loro protagonisti di una lunga stagione con tanti successi e altrettanti podi nelle gare nazionali. Seguono Ghezzi-Beccari (4° 2:38'11"), Lenzi-Iacchini (5° 2:39'33"), Junod-Plater (6° 2:43'39"), Franzini-Sala (7° 2:44'48"), Ouvrier-Gerard (8° 2:45'19"), Herin-Mauro (9° 2:46'05") e Bondioli-Rinaldi (10° 2:46'29").

La gara femminile è vinta con largo margine da Gloriana Pellissier-Corinne Clos (3:10'43"), su Tatiana Locatelli-Christiane Nex (3:27'06"), terze Roberta Scocco-Maria Orlando (3:52'28").

In allegato la classifica completa

Durante la premiazione è stato osservato un minuto di silenzio per ricordare Silvano Borre, un atleta valdostano dello scialpinismo, morto sabato in una valanga in Val Pelline, nei pressi del rifugio Nacamuli, mentre si allenava per la Patrouille des Glacier si si correrà sabato prossimo.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti