Scialpinismo e spettacolo alla Transcavallo. Nel we Coppa Italia - Trofeo Scarpa riservato ai giovani ed esibizione di un atleta Red Bull con la tuta alare.

Di GIANCARLO COSTA ,

Eydallin e Reichegger alla Transcavallo 2011 (foto Areaphoto.it)
Eydallin e Reichegger alla Transcavallo 2011 (foto Areaphoto.it)

La macchina organizzativa della Transcavallo è a pieno regime, in questi giorni le ultime nevicate hanno reso il tracciato in perfette condizioni.

«Dopo l’ultima nevicata - ha detto Vittorio Romor presidente dello sci club Dolomiti ski-alp - i responsabili del percorso sono andati a fare il sopralluogo del tracciato. In zona partenza, a Col Indes, appena sopra l’abitato di Tambre, c’è oltre un metro di neve, mentre in quota si superano tranquillamente i tre metri. Inoltre le previsioni per i prossimi giorni annunciano bel tempo e temperature fredde, mentre per quanto riguarda il pericolo valanghe, l’Arpav di Arabba ha previsto un abbassamento del grado di pericolo sino a 2 su una scala di cinque. Il manto nevoso quindi per 23 febbraio dovrebbe essere completamente assestato».

Per quanto riguarda le manifestazioni collaterali domenica mattina, un atleta del Team Red Bull si lancerà dall’elicottero per volare a pochi metri dalla neve del Monte Guslon grazie alla tuta alare.

Le iscrizioni chiuderanno raggiunta la quota di 150 squadre, il termine temporale è fissato a giovedì 21 febbraio, mentre per i giovani che correranno la gara di Coppa Italia potranno iscriversi sino a sabato mattina, pagando all’ufficio gare senza nessun problema.

Entrambi i percorsi di gara, come vuole la tradizione della Transcavallo, saranno molto tecnici e spettacolari, ricalcando perfettamente le caratteristiche volute dagli atleti, inoltre se le condizioni lo permetteranno ci sarà un’inedita salita sul versante Nord del Guslon. La prima tappa avrà un dislivello di sola salita di 1740 metri diluiti in poco più di quindici chilometri, mentre la prova conclusiva avrà un dislivello maggiore, 1923 metri positivi, ma lo sviluppo sarà pressoché lo stesso.

Il primo giorno si passerà per Cima Vacche, per Val de Piera, si salirà verso il Rif. Semenza deviando a quota 1.950 per l’inedita salita sullo spallone sud del Cornor quindi breve discesa e in fine per il Guslon con probabile altro inedito passaggio in salita.

La tappa del 24 febbraio si correrà tra Cima Vacche, il Guslon, la Val Salatis, passando per il Casone Campitello, per il Canalino delle Placche, e per la Vallazza. Infine attraverso il Troi de l'Ors gli atleti ritorneranno sui pendii del Guslon per andare a tagliare il traguardo.

Per maggiori informazioni e per iscriversi è attivo il sito www.transcavallo.it.

Fonte Areaphoto.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti