Sabato 16 dicembre Tadei Pivk e Pietro Lanfranchi saranno al via della Folgrait Ski Race | Snow Passion

Sabato 16 dicembre Tadei Pivk e Pietro Lanfranchi saranno al via della Folgrait Ski Race

Di GIANCARLO COSTA ,

Folgrait Ski Race (foto arch. organizzazione)
Folgrait Ski Race (foto arch. organizzazione)

Dopo le copiose precipitazioni nevose e "acquose" del week-end il percorso della terza edizione della Folgrait, in programma sabato 16 dicembre a Folgaria (TN), non subisce modifiche. L'ultima ricognizione infatti conferma il percorso originale con la variante di alcuni tratti in fuori pista per aumentare spettacolo e divertimento.
I concorrenti dovranno affrontare cinque salite e altrettante discese e un tratto tecnico da percorre a piedi con gli sci nello zaino. Saranno 1300 i metri di dislivello positivo diluiti in 17 chilometri di sviluppo.

La partenza sarà data alle ore 17.30 sabato 16 dicembre da Fondo Grande di Folgaria per categorie Espoir/Senior/Master e mezz'ora dopo partiranno le categorie Cadetti/Junior. Al termine della competizione seguirà il pasta party con le premiazioni e consueto terzo tempo. L’ufficio gare per il ritiro pettorali sarà aperto dalle ore 13.
Media partner della manifestazione sarà il sito di Maurizio Torri, SportdiMontagna che assegnerà il Trofeo SdM al sodalizio che porterà al traguardo il maggior numero di concorrenti.
Il Trofeo Windy invece sarà per il concorrente che percorrerà la Folgrait Ski Race in un tempo medio.
Tutti gli atleti parteciperanno al sorteggio di dieci top premi messi in palio dal main sponsor LaSportiva e lo sponsor tecnico Alpstation Schio.
Tutti gli iscritti come gadget riceveranno una sacca portasci personalizzata. I vincitori si spartiranno un montepremi di 1200€ diviso in modo equo tra donne e uomini, prestigiosi premi in natura per le categorie giovanili.

Folgaria strizza l'occhio allo scialpinismo, infatti Folgrait Ski Race sarà un veicolo promozionale perfetto per una disciplina che trova la sua naturale collocazione sulle pendici del Monte Cornetto nell'area dismessa dello sci alpino. La vecchia pista è stata rimessa a nuovo nei mesi estivi e con i suoi 1000 metri di dislivello rappresenta un paradiso per gli amanti di sci e pelli di foca.
Anche nella Ski Area, nel rispetto delle norme, con una sorta di tacito consenso, si potrà allenarsi tutti i mercoledì fino alle 21.30 limitatamente alle piste di Francolini e Ortesino, le ultime ad essere battute dai gatti delle nevi. Pacifica convivenza dunque in quel di Folgaria, nel rispetto delle regole e degli operatori, quello che vuol testimoniare ilSole24ore con la rubrica "Tutte le salite del Mondo" a sostegno del progetto di legge promosso dalla Fisi per regolamentare lo scialpinismo nei comprensori sciistici. Proprio per questo motivo al via l'avvocato degli scialpinisti Flavio Saltarelli con l'inviato del Sole24ore Riccardo Barlaam.
Un avvio di stagione ricco di contenuti, da quelli agonistici a quelli promozionali del territorio a cura dello Sci Cai Schio che presiede e coordina il comitato organizzatore in collaborazione con Folgaria Ski e Apt Folgaria.

Fonte Areaphoto

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti