Rosa Challenge - Alagna (VC)

Di GIANCARLO COSTA ,

Il-podio-del-Rosa-Challenge.jpg (foto www.rosachallenge.com)
Il-podio-del-Rosa-Challenge.jpg (foto www.rosachallenge.com)

Con il racconto del Rosa Challenge inizia a collaborare con snowpassion.it Veronica Balocco, che ha preparato anche una bella intervista con l'alpinista Marco Confortola, in ripresa dai drammatici eventi che l'hanno visto protagonista sul K2. Ma ora "Rosa Challenge"! 

Un taglio nell'aria lungo dieci chilometri per 1800 metri di dislivello, dai 2977 metri del Passo dei Salati ai 1185 di Alagna Valsesia. Era tutto da divorare il versante valsesiano del Monte Rosa, nella quarta edizione del Rosa Challenge che sabato scorso ha riversato nel paese dei Walser, grazie all'impegno di Marco Torri e dello Sci Club Varallo, 466 appassionati (rigorosamente in veste di amatori) della velocità su pista.

Ad avere la meglio nella gara non competitiva nata per ricordare il compianto allenatore Christian Arfino è  stato l'alagnese Francesco Negra, primo nella graduatoria assoluta con 4'48''87. Alle sue spalle Carlo Boroli (4'51''43) ed Emanuele Vaira (4'52''36). A loro disposizione, per la prima volta in quattro anni grazie alla clemenza del meteo e alle buone condizioni del tracciato, l'intero percorso di gara: una sfida di muri e neve compatta che ha stuzzicato il più alto numero di iscritti mai registrato, "atleti" dello sci e dello snowboard valsesiani ma anche vercellesi, novaresi, toscani, laziali, lombardi e qualche straniero. Nessuno, in realtà, con sincere velleità agonistiche, per quanto seria sia stata per molti la preparazione. Il regolamento d'altro canto parlava chiaro. E la moto Ducati Monster 696, vero premio della competizione, è infatti andato per sorteggio non all'atleta più veloce ma al più fortunato: Pietro Cerina, della provincia di Varese, autore di una prova da 11 minuti 20 secondi e 72 millesimi.

Da segnalare, nell'ambito del ricco montepremi, anche il nuovo casco della Briko, Kimera Comp, disegnato per Bode Miller in vista di Vancouver, oltre alla  maschera originale Bode's Super Race.  Ad aggiudicarseli, Gianni Carmellino di Valle Vogna, nel comune di Riva Valdobbia.

Questi i podi delle varie categorie.

A Femminile: Corinne Bossi, Serena Giromini, Giulia Tosi.

A Maschile: Francesco Negra, Emanuele Vaira, Fabio Marchina.

B Femminile: Clara Bruno, Enrica Torelli, Antonella Gianolio.

B Maschile: Carlo Boroli, Michele Gazzo, Paolo Orso.

C Femminile: Renza Antonini, Antonella Ramella.

C Maschile: Silvino Vaira, Piergiuseppe Vietti, Paolo Cazzola.

D Femminile: Elisa Grober.

D Maschile: Renzo Tosi, Vincenzo Pierettorri, Ezio Pezzetti.

Snowboard:

Femminile: Cristina Ghigher, Cristina Toscanini, Alessia Pettinaroli.

Maschile: Luca Nicolini, Ivan Camurri, Diego Braidotti.

(Testo di Veronica Balocco)

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti